Grecia: le paure di Obama

La Casa Bianca fa pressing affinché si raggiunga un accordo. Sullo sfondo, il timore di una nuova influenza della Russia su Atene

obama

Barack Obama – Credits: Getty Imagines / Saul Loeb

Michele Zurleni

-

Barack Obama è seriamente preoccupato per la crisi greca. Da alcuni giorni, lui e il suo Segretario al Tesoro Jacob J. Lew stanno facendo pressing sugli europei affinché trovino un accordo con Alexis Tsipras ed evitino cos' la possibile catastrofe di un'uscita di Atene dall' Euro.

Il pressing sugli europei

Obsma hs parlato direttamente con Angela Merkel, con Francois Hollande e David Cameron. Lew lo ha fatto con i ministri del tesoro di Italia, Olanda e Spagna. Non solo. La Casa Bianca ha fatto pressioni anche sul Fondo Monetario Internazionale, di cui gli Stati Uniti sono azionisti di maggioranza.

Obama ha spiegato a tutti che trovare un accordo è molto meglio che non farlo. La Grecia deve rimanere in Europa. Le preoccupazioni non sono soltanto sulle possibile ripercussioni economiche, ma per gli Usa anche e soprattutto per quelle geopolitiche.

Le conseguenze economiche

Sul primo fronte, Obama teme una forte instabilità dei mercati. Non crede ci possa essere un terremoto come nel 2008, ai tempi della crisi finanziaria statunitense, con la devastante crisi economica che seguì al crollo della più importanti banche americane, ma sa bene che se Atene esce dall'Euro le borse internazionali sono destinate a rimanere sulle montagne russe per pareccho tempo. Sarebbe meglio evitarlo.

Le preoccupazioni maggiori sono però sulle conseguenze geopolitiche di un'uscita di Atene dall'Euro o addirittura dall'Europa. Obama ha il timore che in questo scenario, la Grecia di Tsipras possa gettarsi nelle braccia di Vladimir Putin. La Russia avrebbe così una nuova forte influenza nel Mediterraneo e nel vicino Medioriente.

Mosca in campo

Uno scenario simile sarebbe un problema grave anche per la Nato, visto che la Grecia fa parte dell'Alleanza Atlantica. Se questo avvenisse, per gli Usa sarebbe un grave problema. In questo momento, con una Guerra Fredda in corso con Mosca, per Washington sarebbe una sconfitta. Non solo l'Unione Europea uscirebbe molto indebolita dal braccio di ferro con Atene, ma anche la stessa Nato subirebbe un forte colpo.

Vladimir Putin avrebbe cos' preso i classici due piccioni con una fava. E'noto che da quando è ripresa la tensione con l'Occidente, il leader del Cremlino abbia come obiettivo anche quello di indebolire quell'Unione Europea che ha deciso di seguire gli Usa sulla strada delle sanzioni contro Mosca a causa della guerra in Ucraina. In fondo, la Grexit sarebbe un successo per Putin.

Le preoccupazioni sono aumentate alla Casa Bianca dopo il recente incontro tra Putin e Tsipras. I due hanno discusso delle relazioni tra i due paesi e della nuova pipeline che dovrebbe portare il gas russo verso il sud dell'Europa.

Una Grecia che guarda a Mosca sarebbe un grosso problema per Washington. Per questo, secondo Obama, Atene deve continuare a guardare verso Bruxelles. E Bruxelles verso Atene. Quasi a ogni costo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Grecia: Renzi rassicura l'Italia

Grecia: cominciata la corsa ai bitcoin

Dieci volte più greci del solito si stanno registrando presso la societa' tedesca Bitcoin.de per acquistare valuta elettronica

Crisi Grecia, perché è (anche) nelle mani di Mario Draghi

La Banca centrale europea darà un contributo decisivo per evitare il peggio: sostegno agli istituti greci, Quantitative easing, e l'Omt

Grecia: gli scenari dopo il referendum del 5 luglio

La vittoria del no e il default potrebbero mettere a rischio la stabilità dell’euro e dell’UE. L'Italia sarebbe tra i Paesi più esposti

Grecia: il diritto di essere europei e il ricatto del nazional-populista Tsipras

Chi negozia con Atene difende gli ideali che hanno fondato l'Europa. Davanti si trova un demagogo che tradisce i giovani e difende i privilegi

Grecia, grande incertezza per il referendum

Schieramenti vicinissimi. Respinto il ricorso per sospendere la consultazione. Tsipras ribadisce: la vittoria del "no" porterebbe a un accordo migliore

Commenti