Ecco chi sono gli strani alleati di Tsipras

Ultraconservatori, nazionalisti, con un leader accusato di antisemitismo: il volto dei nuovi compagni di viaggio del Che Guevara ellenico

kammenos

Il leader dei Greci Indipendenti, Panos Kammenos, con Alexis Tsipras durante le consultazioni – Credits: ANSA FOTO

Il partito dei Greci indipendenti (Anel), che ha deciso di entrare nel governo di Alexis Tsipras, è nato nel febbraio del 2012 da una costola di Nea demokratia, il partito del premier uscente Antonis Samaras che del memorandum della Troika ha fatto una bandiera, finendo per pagare un prezzo molto salato presso un'opinione pubblica devastata dalla crisi.

La scissione dallo storico partito di centrodestra greco si è consumata proprio sul rifiuto del piano di salvataggio imposto al Paese dall’Unione europea, dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca centrale europea con il beneplacito di Samaras. Il no all'austerity tedesca è quindi il punto di contatto, ma è l'unico, con la piattaforma programmatica di Syriza. Per il resto, dai diritti civili alle unioni gay, dal rapporto stretto che Anel ha con i vertici della Chiesa ortodossa alle parole di fuoco contro l'immigrazione, non ci sono partiti più ideologicamente lontani come Syriza e Anel. Il primo è ideologicamente progressista e cosmopolita, il secondo conservatore e nazionalista. Senza contare che Anel siede al parlamento europeo nello stesso gruppo, euroscettico e di destra, su cui siede il partito di David Cameron, mentre Syriza sta nel gruppo della sinistra europea.

Il leader di Anel, Panos Kammenos, che ha 49 anni e alle spalle una solida formazione economica, ha inoltre un altro tratto che non può piacere all'intellighenzia rossa di Atene: l'antisemitismo. Quando Kammenos, che ricoprì il ruolo di ministro della Marina mercantile nei governi di centro-destra guidati da Costas Karamanlis (l'uomo che truccò i conti, dando l'abbrivio all'ingresso della Troika in Grecia, ndr) accusò, in un'intervista televisiva,  la comunità ebraica greca di godere un trattamento fiscale privilegiato,  le reazioni degli uomini più in vista degli ebrei greci non si fecero attendere. Ma la strana coppia Tsipras-Kammenos sta per celebrare matrimonio. In nome del no all'austerity tedesca. Passando sopra le tante differenze.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi ha paura di Alexis Tsipras

La Grecia al voto il 25 gennaio: perché un'uscita del Paese dall'area euro è altamente improbabile

Alexis Tsipras e Matteo Renzi, due stili a confronto

Il nuovo premier greco e il presidente del Consiglio italiano hanno molte cose in comune. Ma anche moltissime differenze

Alexis Tsipras trionfa in Grecia

Alexis Tsipras si allea con la destra

Abbraccio con i nazionalisti anti-austerità per formare il governo e prendere in contropiede speculatori e l'establishment filo-Troika

L'austerity non si supera con Tsipras

Troppe incognite dietro le parole del leader di Syriza. Senza un compromesso con la troika che dice di odiare, il Paese non potrà quasi più finanziarsi

Commenti