Esteri

Gli Usa: "Al-Baghdadi è vivo e adesso andiamo a ucciderlo"

Parola di Stephen Townsend, capo delle forze armate statunitensi. Il leader dell'Isis sarebbe nascosto nella valle dell'Eufrate

E' probabile che Abu Bakr al-Baghdadi, il leader dell'Isis, sia ancora vivo. Ne è convinto il generale statunitense Stephen Townsend, che comanda le forze della coalizione impegnate nella lotta contro Daesh in Iraq e in Siria, riferisce l'Associated Press. "Credo che sia vivo? Si'", ha detto Townsend.

Il generale ha quindi sottolineato che vi sono "alcuni indicatori nei canali di intelligence" che sosterrebbero la tesi. Non ha però fornito ulteriori dettagli sulla natura di tali informazioni di intelligence.

Catturarlo? No, meglio morto

In un articolo di questa mattina, The Guardian è andato anche oltre le dichiarazioni del capo delle forze armate Usa, sostenendo che i servzi statunitensi nutrano più di un sospetto sull'ipotesi che il leader si nasconda in un luogo non meglio precisato nella valle dell'Eufrate, al confine tra Siria e Iraq, e che tra gli obiettivi primari dell'esercito ci sia quello di trovarlo, senza mezzi termini: "Catturarlo non vale la pena: quando lo troveremo cercheremo soltanto di ucciderlo".

Tali dichiarazioni, di fatto, confermano che gli sforzi fatti dagli Usa negli ultimi sei anni nel tentativo di stanare il capo dello Stato Islamico sono stati finora del tutto vani, e che, pertanto, tutte le notizie circolate finora sulla sua presunta morte sono da retrocedere allo status di fake news.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti