Giappone: suicidio sul "treno proiettile"

Un anziano si è dato fuoco sulla linea Tokaido-Shinkansen: morta anche una donna, tredici i feriti

Treno proiettile

Il treno proiettile su cui è avvenuto il suicidio – Credits: EPA/KIMIMASA MAYAMA

È una donna di 50 anni la seconda vittima del presunto suicidio avvenuto oggi sul treno proiettile della linea Tokaido-Shinkansen in Giappone. La donna sarebbe morta a seguito di un attacco cardiaco dopo che il presunto suicida, un uomo di 71 anni, si era  cosparso di liquido infiammabile dandosi fuoco nel primo vagone.

Uno dei macchinisti avrebbe anche tentato, ma inutilmente, di spegnere il fuoco. Il treno, composto di 16 vagoni e con a bordo 1.000 passeggeri, è ripartito dopo la tragedia diretto alla vicina stazione di Odawara.

La maggior parte del migliaio di passeggeri è riuscita a mettersi in salvo grazie alla fermata d'emergenza, quando il fumo ha cominciato a riempire i vagoni.

L'ultimo bollettino del disastro include 13 feriti, di cui quattro gravi: tutti sono stati portati in ospedale a titolo precauzionale.

© Riproduzione Riservata

Commenti