Rita Fenini

-

Il giorno dopo l'inaugurazione dell'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, per iniziativa del presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas, di comitati popolari e partiti, i palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme est osservano tre giorni di lutto (e uno sciopero generale) per commemorare la strage dei dimostranti palestinesi avvenuta al confine di Gaza, strage che ha causato 2.500 feriti e almeno 60 vittime, tra cui diversi bambini e una piccola di 8 mesi.

Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute di Gaza, almeno 1.204 palestinesi sono stati colpiti da proiettili, 79 al collo, 161 alle braccia, 62 alla schiena e al petto, 52 allo stomaco, 1.055 alle gambe. Oltre 200 feriti sono minori, 78 donne.

Chiusi negozi, scuole, uffici e aziende e in giornata si sono svolte manifestazioni commemorative in occasione del 70esimo anniversario della "Naqba" (la catastrofe), ossia l'esodo dei palestinesi dalla loro terra con la formazione dello Stato di Israele nel 1948

L'Alta commissione della comunità araba in Israele ha chiesto che lo sciopero generale sia rispettato dai palestinesi anche nelle città arabe dello stato.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gerusalemme: per l'ambasciata Usa un trasloco complesso

Il trasferimento da Tel Aviv è pieno di difficoltà politiche, ma anche logistiche e di sicurezza

Ambasciata Usa a Gerusalemme: e se Trump avesse ragione?

Finora la teoria dei due popoli-due stati non ha certo portato alla pace. E il rischio di nuovo terrore non è cosa nuova per gli israeliani

Gerusalemme, l'Oasi della Pace dove convivono arabi ed ebrei

A pochi chilometri dalla città crocevia tra Occidente e Oriente sorge Neve Shalom/Wahat al-Salam, un esperimento di convivenza riuscito

Commenti