Anche la Peppa Pig finisce nel mirino degli hacker

Il personaggio dei cartoni animati più amato del momento insultato in rete

Nella foto la pagina Facebook ufficiale dedicata a Peppa Pig. Credits: Facebook.

Eleonora Lorusso

-

I suoi grugniti hanno conquistato milioni di bambini. I suoi salti nel fango con le galosce sono diventati uno dei giochi più temuti dai genitori. Alle sue risate, sdraiata a terra insieme al fratello George, non resiste nessuno che abbia meno di 10 anni. Eppure, l'innocente Peppa Pig  è finita nel mirino degli hackers inglesi che hanno preso d'assalto la pagina Facebook della maialina dal vestito rosso e le guance rosa.

Sulla bacheca hanno iniziato a comparire insulti, anche molto pesanti. Nelle caselle di posta dei genitori iscritti sono invece arrivate immagini poco gradite o testi (falsi) a firma di pornostar del calibro di Sasha Grey. Un finto messaggio che recitava testualmente un fuck you all'indirizzo della povera Peppa ha ottenuto ben 86 "Like", mentre 120 sono tati quelli ottenuti da uno dei Teletubbies, "nemico" in formato piccolo schermo di Peppa Pig.

Come racconta The Indipendent , i bambini fans della maialina e della sua originale famiglia hanno ricevuto un chiaro invito "ad andare al diavolo". Molto più duri i messaggi con appellativi poco adatti alle orecchie dei più piccoli, come "sh*t I love". Immediata la reazione dei genitori, che hanno protestato con i produttori del cartone animato, chiedendo una sorta di risarcimento danni: in molti, infatti, si sono rivolti alla direzione del parco divertimenti dedicato a Peppa Pig, a New Forest.

I produttori della serie tv animata (e di tutto il merchandising che vi ruota attorno) hanno risposto di non avere più accesso alla pagina Fb di Peppa Pig e dunque di non poter rimuovere i messaggi "ostili" e offensivi. Dopo una serie di colloqui con i responsabili di Facebook, però, la pagina è tornata ad essere accessibile, anche ai più piccoli, senza il pericolo di incorrere in messaggi sgraditi o volgari.

In bacheca è invece comparso un messaggio di scuse: "Important Information: Unfortunately the Peppa Pig World Facebook page has been compromise. We are looking into situatione asap, please accept our apologies for any inconvenience caused. Many Thanks, The Peppa Team".   

Ma se qualcuno degli iscritti ha subito gridato al complotto ("Big Brothers watching us???"), si è scatenato il dibattito sull'uitilità della pagina Facebook dedicata al personaggio del cartone animato e a quelli analoghi dedicati ai più piccoli, dal momento che per potersi iscrivere al social network occorre avere almeno 13 anni. 

© Riproduzione Riservata

Commenti