Esteri

Francia, Mélenchon: un terzo dei militanti voterà Macron

Poco più della metà dei registrati di France insoumise (440mila) si è espresso e di questi due terzi hanno deciso di astenersi o votare bianco. Ma i voti in gioco sono 7 milioni

Emmanuel Macron sorridente

Luigi Gavazzi

-

Emmanuel Macron al ballottaggio avrà poco più di un terzo dei voti dei militanti registrati di Jean-Luc Mélenchon e della sua France insoumise.

Ballottaggio nel quale Macron si gioca la presidenza delle Repubblica francese contro Marine Le Pen, il 7 maggio.

Questo almeno emerge dalla consultazione avviata online da Mélenchon il 25 aprile fra i suoi 440.000 sostenitori.

Per valutare la portata della consultazione, vanno considerate però le cifre della partecipazione, e le domande poste.

Mélenchon ha ottenuto 7 milioni di voti al primo turno.

Alla consultazione di France insoumise hanno votato 243.128 persone, pari al 55% degli aventi diritto.

Il 36,16% ha scelto il voto bianco o nullo;

il 34,83% ha scelto il voto per Macron;

il 29,05% l’astensione.

Il voto per Marine Le Pen non era contemplato.

Cosa significa?

Significa poco.

- Mélenchon adesso potrà uscire dall’ambiguità e dichiarare che la democrazia diretta del suo movimento ha deciso a maggioranza di non dare un voto valido.

- Oppure potrà dire che un terzo è d’accordo per il voto a Macron.

Ma difficilmente questo risultato tranquillizzerà Macron o scoraggerà Le Pen dalla caccia dei voti della sinistra arrabbiata e antiglobalizzazione di Mélenchon.

Cosa voteranno davvero gli elettori di Mélenchon

Secondo il sondaggio di Harris, condotto immediatamente successive al primo turno il 12% degli elettori di Mélenchon voterà Le Pen, il 52% Macron, il 36% si asterrà.

Un po' meglio secondo la rilevazione di Elabe per BFMTV e L'Express, pubblicata il 2 maggio: sarebbero infatti il 44% gli elettori di Mélenchon al primo turno che sceglieranno Macron al secondo.

Il che obbligherebbe Le Pen, per vincere a fare il pieno fra gli elettori di Fillon.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi è Emmanuel Macron, l'uomo che vuole cambiare la Francia

Dinamico, postideologico ed europeista. Il fondatore di En Marche! è stato eletto presidente della Repubblica

Parla Emmanuel Macron: "Così rivoluzionerò la Francia"

Come governerà la Francia: il progetto, tra dialogo con il paese e aperture al mercato per disinnescare il populismo

Il programma economico di Macron

Tagli alla spesa pubblica, investimenti e maggiore flessibilità del lavoro. Ecco le misure proposte dal nuovo inquilino dell'Eliseo

Marine Le Pen: perché questa donna fa paura

Marine ha ereditato il partito dal padre e lo ha sdoganato dal razzismo. E ora, a un mese da D-Day elettorale, punta alla presidenza della Repubblica

Marine Le Pen a Marsiglia: le paure dell'ultimo discorso

Il leader del Fn legge e non parla a braccio. È alto il timore che ancestrali idiosincrasie facciano capolino e Marine torni in un istante una Le Pen

Francia: Wikileaks e la Russia contro Macron

Julian Assange, sempre più "vicino" a Putin, avrebbe pronto un dossier contro il candidato all'Eliseo

Elezioni presidenziali francesi: Macron e Le Pen al ballottaggio

Il fondatore di En Marche! davanti alla candidata del Front National. Il 7 maggio il voto decisivo: sondaggi favorevoli a Macron. Crisi dei partiti storici

Perché Macron può davvero vincere le presidenziali francesi

Le cinque ragioni che spiegano la forte ascesa del candidato social-liberale in tutte le rilevazioni delle case sondaggistiche

Commenti