Esteri

Perché Marine Le Pen può vincere il ballottaggio

Elettori di Mélenchon, astensione e contrapposizione popolo vs élite i punti della strategia. Successo improbabile, ma Macron non può stare tranquillo

marine-le-pen

Luigi Gavazzi

-

Da più parti in Francia, e in tutta Europa, il sorriso davanti ai sondaggi che danno Emmanuel Macron vincitore al ballottaggio per le elezioni presidenziali del 7 maggio, ha un'ombra di preoccupazione.

Perché il timore che Le Pen possa rimontare è diffuso e si basa su considerazioni ragionevoli.
Non è,  dunque, scaramanzia. In fondo potrebbe ripetersi quanto successo con Trump in novembre 2016 negli Stati Uniti.

Martedì 25 aprile anche il presidente Hollande aveva espresso il timore della Francia e dell'Europa liberale.


Hollande aveva rimproverato Macron che, a suo dire, si dimostra un po' appagato, come se sentisse la vittoria in tasca, e silenzioso davanti all'offensiva della leader dell'estrema destra nazionalista.

Propaganda Le Pen: la frottola del popolo contro le élite

Le Pen sta attaccando in modo pesante, gira il paese, punta tutto sull'appello al popolo contro le élite, delle quali Macron è parte: come se lei non avesse un maniero di famiglia, non fosse cresciuta circondata da maggiordomi, non avesse fatto altro che politica, ereditando il Front National dal padre.


Certo, Macron cammina su un filo: volto (quasi) nuovo, estraneo ai partiti tradizionali (ne ha fondato uno tutto suo) ma è stato un banchiere (il simbolo più odiato per chi è ossessionato dalla contrapposizione popolo vs élite), e ministro con Hollande presidente: insomma, se Le Pen insiste alla Grillo su queste cose, qualche altro francese lo convince.

Dove Le Pen deve pescare voti per vincere

Ma ne deve convincere tanti. Le Pen deve infatti allargare la sua base elettorale che è inchiodata a poco più del 20%.

I principali bacini altrui al quale attingere sono:
- quello di repubblicani di François Fillon, poco più del 20% al primo turno;
- quello di Jean-Luc Mélenchon, al 19,5%.

Ora, Fillon ha immediatamente invitato i suoi elettori a votare per Macron il 7 maggio. Le stime di Harirs Interactive dicono che il 47% dei suoi elettori gli darà retta; mentre il 23% voterà per Le Pen; e un altro 30% si asterrà.

Mélenchon, rabbioso e livido per non essere arrivato al ballottaggio, per un'intera settimana dopo il primo turno non si è espresso sul secondo turno. Soltanto lunedì 30 ha detto che andrà a votare il 7 meggio e che certo non voterà per Le Pen. Secondo le stime di Harris, il 12% degli elettori di Mélenchon voterà Le Pen, il 52% Macron, il 36% si asterrà.

Cosa può succedere davvero

In pratica, per vincere Le Pen deve conquistare un altro 30% dell'elettorato.

Deve dunque sperare che si abbassi la partecipazione al ballottaggio (al primo turno è stata poco più del 77%), e conquistare quasi tutto l'elettorato di Fillon e una buona metà di quello di Mélenchon (o viceversa, o tre quarti di entrambi). Certo sarebbe un terremoto elettorale nel giro di due settimane (poche per avere buone probabilità di riuscita).

Contro l'ipotesi anche il fatto che il sistema elettorale francese è a collegio unico, non è possibile dunque giocare su alcuni territori chiave come ha fatto Trump, per spostare a proprio favore l'esito generale (ricordiamo che Trump è presidente pur avendo ottenuto tre milioni di voti in meno di Hillary Clinton). Ricordiamo anche che secondo una simulazione dell'Economist, se in Francia si fosse votato con il sistema americano a turno unico e a collegi elettorali regionali, Le Pen avrebbe ora sarebbe presidente.

Detto questo, la condizione politica della Francia, strattonata dalla globalizzazione e dal delirio "sovranista" è estremamente fluida: quindi l'eventualità che possa accadere quel terremoto al quale abbiamo accennato è altamente improbabile. Ma può accadere.

(Questo articolo è stato publbicato la prima volta il 26 aprile e ripubblicato con aggiornamenti il 1° maggio 2017)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marine Le Pen e gli ebrei di Vichy deportati: "la Francia non fu responsabile"

La leader del Front National nega che i francesi abbiano avuto un ruolo nella deportazione di 13 mila ebrei francesi del 1942

Marine Le Pen a Marsiglia: le paure dell'ultimo discorso

Il leader del Fn legge e non parla a braccio. È alto il timore che ancestrali idiosincrasie facciano capolino e Marine torni in un istante una Le Pen

Marine Le Pen: perché questa donna fa paura

Marine ha ereditato il partito dal padre e lo ha sdoganato dal razzismo. E ora, a un mese da D-Day elettorale, punta alla presidenza della Repubblica

Il Parlamento Ue revoca l'immunità a Marine Le Pen

L'eurodeputata e leader del Front National aveva postato su Twitter immagini violente di esecuzioni dell'Isis

Commenti