Esteri

Francia, cosa ci dice il nuovo governo di Macron e Philippe

Un esecutivo oltre la destra e la sinistra che mette in scacco i vecchi partiti. Ma adesso per governare deve vincere le elezioni

Una combo del governo francese guidato dal primo ministro Edouard Philippe (in basso a destra). E' composto da 18 ministri e i quattro sottosegretari (11 donne e 11 uomini): PRIMA FILA, IN ALTO DA SX: G. Collomb, N. Hulot, F. Bayrou, S. Goulard, J-Y. Le Drian, R. Ferrand.SECONDA FILA, DA SX: A. Buzyn, F. Nyssen, B. Lae Maire, M. Penicaud, J.M. Blanquer, J. Mezard. TERZA FILA, DA SX: G. Darmanin, F. Vidal, A. Girardin, L. Flessel, E. Borne, M. de Sarnez. QUARTA FILA, IN BASSO DA SX: C. Castaner, M. Schiappa, S. Cluzel, M. Mahjoubi. Parigi, 17 maggio 2017. ANSA.

Luigi Gavazzi

-

Il neo presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron e il suo primo ministro, Édouard Philippe, hanno dunque il nuovo governo.

Politica scompaginata

Come previsto, si tratta di un governo che intende scompaginare la politica tradizionale della quinta Repubblica, andando oltre la divisione fra destra e sinistra, e mettendo in scacco i due partiti sui quali si è retto il sistema politico a Parigi dagli anni '60 in poi.

I repubblicani

Operazione per adesso riuscita, a giudicare dalla reazione rabbiosa del partito Repubblicano e dalla divisione al suo interno successivo alla nomina di Philippe, considerato un traditore. Reazione ribadita mercoledì con l'espulsione dei due ministri del nuovo governo appartenenti al partito.

I socialisti

Ma anche i socialisti, accusano il colpo. Ridotti ai minimi termini nelle elezioni presidenziali (6,5%), nel governo di Philippe sono in quattro. Il partito però ha già scomunicato. Dicendo che si tratta di un governo di destra che ha affidato la politica economica ai conservatori.

L'economia

In effetti, i due repubblicani, Bruno Le Maire e Gerard Darmanin - considerati della "destra moderata" - hanno nelle loro mani, insieme al primo ministro Philippe, stessa provenienza, il governo dell'economia.
Con questa scelta Macron ha ribadito l'impronta liberista che vuole conferire al suo mandato, in coerenza con la scelta d'apertura del paese, all'Europa e alla globalizzazione.

Le elezioni

Prima però Macron deve vincere le elezioni dell'11 e 18 giugno per avere una solida maggioranza all'Assemblea Nazionale senza la quale sarebbe "coabitazione" fra un governo e un presidente con orientamenti diversi, il che quasi sempre significa inazione.

Macron punta tutto sulla novità del suo movimento La République en marche! e del programma "oltre la destra e la sinistra" per raccogliere i voti fra gli elettori dei socialisti e dei repubblicani.

Sarà una campagna elettorale che Marine Le Pen - ma anche Jean-Luc Mélenchon, da sinistra - giocherà attaccando Macron come uomo della globalizzazione e erede, di fatto, dei "vecchi" partiti, oltre che amico dei "burocrati" di Bruxelles.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Governo Macron: i nomi dei ministri francesi

Dall'Economia alla Difesa, dallo Sport all'Istruzione. Le storie degli uomini e delle donne del nuovo esecutivo

Il futuro dell'Europa con Macron e Merkel

Nel primo vertice franco-tedesco del neoeletto presidente, le basi per il rilancio della Ue: investimenti, politica fiscale unica, riforma dei Trattati

Brigitte Macron: tutti i look della nuova première dame

Dal tailleur bianco indossato per la visita di Donald e Melania Trump a Parigi, a quello celeste messo per l’Eliseo. L'eleganza della moglie del presidente Macron

Dove va la Francia con Emmanuel Macron

La lezione è chiara: perdendo tempo alla conquista di un partito esistente si perde. Creandone uno ex novo si vince. La grande differenza fra lui e Renzi

Perché non basta l'Inno alla Gioia

Più che di giubilo, la canzone che ha accompagnato il trionfo di Macron per l'Europa sarà un requiem. E in Italia, intanto...

La sinistra francese in confusione, fra Macron e le elezioni legislative ​

​I socialisti ai minimi storici, Valls vorrebbe candidarsi con En Marche!, ​​Mélenchon vuole essere il capo della gauche più dura e chiama Hamon

Come Macron vuole la riforma del lavoro in Francia

Più spazio alla contrattazione aziendale. Ecco il programma del neo-presidente francese così difficile da attuare (anche in Italia)

Macron: ritratto della famiglia del presidente francese

Dall'ostilità iniziale dei suoi genitori, all'appoggio incondizionato dei tre figli di Brigitte, fino ai sette nipotini

Macron presidente, le conseguenze in Borsa e per l'Euro

La vittoria del leader di En Marche! alle elezioni francesi piace alla comunità finanziaria che ora ha più fiducia nell'Eurozona. Ecco perché

Così Macron sceglie il governo e prepara le elezioni

Attesa per il nome del primo ministro e della squadra di lavoro. Resta poi l'incognita delle legislative di giugno

Elezioni presidenziali in Francia: analisi del voto al primo turno

La sconfitta dei partiti tradizionali, il primato di Macron l'europeista, il successo a destra di Marine Le Pen. Ma la vera sfida è il ballottaggio

Elezioni presidenziali francesi: Macron e Le Pen al ballottaggio

Il fondatore di En Marche! davanti alla candidata del Front National. Il 7 maggio il voto decisivo: sondaggi favorevoli a Macron. Crisi dei partiti storici

Francia, tutti i Presidenti dal dopoguerra a oggi

Tra Quarta e Quinta Repubblica i dieci Presidenti che si sono alternati alla guida dell'Eliseo: da Auriol a Macron

Francia, elezioni del Presidente: la guida completa

Il secondo turno, il sistema elettorale, le date, i sondaggi, i poteri, i rapporti con il primo ministro. Arriva il ballottaggio il 7 maggio

Commenti