Redazione

-

venerdì 8 aprile 2016
Rilascio dei prigionieri in Birmania
Parenti di studenti e attivisti detenuti nelle prigioni birmane attendono con dei mazzi di rose il loro rilascio di fronte al carcere di Insein a Yangon, in Birmania. Oltre 4.000 detenuti, compresi prigionieri politici, sono stati rilasciati in tutto il Paese in ocasione dell'inizio della festività di Thingyan. Il giorno precedente Aung San Suu Kyi ha definito una priorità la liberazione di studenti e attivisti incarcerati nelle prigioni birmane, facendo pensare a una amnistia imminente.

giovedì 7 aprile 2016
I migranti non si arrendono a Idomeni
Un bambino di fronte alle forze di polizia schierate durante una protesta di migranti e rifugiati per chiedere la riapertura delle frontiere tra Grecia e Macedonia, presso il campo temporaneo di Idomeni.

Ranil Wickremesinghe a Pechino
Un soldato della guardia d'onore cinese regge la bandiera nazionale durante la cerimonia di benvenuto al Primo ministro dello Sri Lanka, Ranil Wickremesinghe, ricevuto dal premier cinese Li Keqiang, di fronte alla Grande Sala del Popolo a Pechino, Cina.

mercoledì 6 aprile 2016
Funerali di un militante kashmiro
Una donna lancia dei dolci verso la salma di Bilal Ahmed Bhat, al suo passaggio nel corso del corteo funebre nel villaggio di Karimabad nel distretto di Pulwama, a sud di Srinagar, in Kashmir. Bhat è stato ucciso il 5 aprile nel corso di uno scontro con le forze di sicurezza indiane nel sud del Kashmir.

Sciopero dei giovani medici in Inghilterra
Due manifestanti sdraiati per terra durante un "Die in" di protesta fuori del Dipartimento della Salute nel centro di Londra, contro le condizioni lavorative e salariali del personale medico più giovane. Migliaia di operazioni e trattamenti in tutta l'Inghilterra sono stati cancellati a causa di uno sciopero di 48 ore.

martedì 5 aprile 2016
Rifugiati da Lesbo verso la Turchia
Rifugiati da Afghanistan e Pakistan protestano in un centro di detenzione a Lesbo, in Grecia, contro la deportazione verso la Turchia prevista dagli accordi tra il governo di Ankara a l'Unione europea.

Scenario di guerra ad Aden, Yemen
Un'esplosione controllata per distruggere esplosivi e mine dei ribelli Huthi, nella città di Aden, in Yemen. Lo scorso anno l'avanzata deI ribelli Houthi verso la capitale Sana'a costrinse il governo riconosciuto a livello internazionale dello Yemen, guidato dal presidente Abedrabbo Mansour Hadi, a dichiarare Aden, principale città del sud del Paese, capitale temporanea.

Vana attesa a Idomeni
Un bambino siede in una tenda al tramonto presso il campo per migranti improvvisato presso il villaggio sul confine greco-macedone di Idomeni, dove migliaia di persone che per mesi hanno atteso invano la riapertura della frontiera, saranno ora deportati in Turchia in base agli accordi stretti tra Ankara e Bruxelles.

Scontri polizia studenti a Parigi
Agenti di polizia antisommossa arrestano un uomo a Parigi, durante gli scontri nati nel corso di una manifestazione di studenti delle scuole superiori contro la riforma del lavoro presentata dal governo.

L'ultimo dipinto di Rembrandt
Il dipinto "The Next Rembrandt" viene mostrato al pubblico presso la Galerie Looiersgracht60 di Amsterdam. L'opera è stata creata da data scientists utilizzando le informazioni ricavate da 346 dipinti realizzati da Rembrandt.

lunedì 4 aprile 2016

Guerra in Iraq: popolazione in fuga nella provincia di Anbar 
Una donna spinge un veicolo mentre le forze governative evacuano in una zona sicura lontano dai campi di battaglia centinaia di iracheni dalla città di Heet, in Iraq, dove le truppe irachene stanno cercando di riprendere il controllo della città occidentale in mano al gruppo dello Stato Islamico. All'inizio della settimana le forze di sicurezza irachene hanno riconquistato parti di Heet, uno dei più grandi centri della provincia di Anbar ancora in mano agli jihadisti.

Salario minimo a $15 in Calfornia
A Los Angeles, il Governatore della California, Jerry Brown firma il progetto di legge che alzerà il salario minimo a 15 dollari l'ora, a livello statale, entro il 2022. Stessa decisione anche New York, dove il governatore Andrew Cuomo ha introdotto anche il congedo parentale retribuito di 12 settimane.

domenica 3 aprile 2016
Omar al-Bashir a Zalingei
Una manifestazione organizzata a Zalingei, capitale dello Stato del Darfur centrale, in occasione della visita del presidente sudanese Omar al-Bashir, che ha iniziato un tour del Darfur in vista di un referendum sull'opportunità di mantenere divisa in cinque stati la zona occidentale dilaniata dai conflitto o di crearvi un'unica regione. Bashir, ricercato per crimini di guerra, ha affermato la consultazione si tiene nell'ambito di un accordo del 2011 tra Khartoum e alcuni dei gruppi ribelli che nell'area si stanno combattendo da più di un decennio.

Alluvioni in Pakistan
Le acque alluvionali attraversano una zona di mercato alla periferia di Peshawar, in Pakistan. Dal 9 marzo in tutto il Pakistan le forti piogge hanno ucciso almeno 121 persone, e ferite 124, danneggiando 852 case.

sabato 2 aprile 2016
Nairobi, un anno dopo l'attacco all'Università
Un momento della manifestazione in memoria delle vittime degli attacchi terroristici presso il campus universitario di Garissa a Nairobi, in Kenia, un anno dopo la strage in cui persero la vita 148 persone,


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La settimana nel mondo in 15 foto - 26 marzo/1 aprile

Da Istanbul a Betlemme, da Calcutta a Tripoli, da Parigi a Naypyidaw, da Cipro a Palmira, da Lahore a L'Avana...

La settimana nel mondo in 15 foto - 19/25 marzo

Da Bruxelles a Dacca, dal Cara di Roma all'Aja, da Gaza a Istanbul, da Amman a Rostov sul Don, da Cuba a Buenos Aires...

La settimana nel mondo in 15 foto - 12/18 marzo

Da Tripoli a Pyongyang, da Ankara a Johannesburg, dall'Ucraina alla Costa d'Avorio, dal Brasile allo Yemen...

La settimana nel mondo in 15 foto – 5/11 marzo

Da Baghdad al Missouri, da Aleppo a Lione, da Idomeni a Bucarest, dall'Arabia Saudita al ghiacciaio Perito Moreno...

La settimana nel mondo in 15 foto - 27 febbraio/4 marzo

Dall'Iraq al Brasile, dalla Siria all'Honduras, da Calais a Teheran, da Cipro a Israele

Commenti