Redazione

-

Dopo la grande manifestazione per il No al referendum che la sera di lunedì 29 giugno ha riempito la piazza Syntagma, davanti al Parlamento di Atene, ieri sera lo stesso spazio è stato riempito dai sostenitori del Sì agli accordi con i creditori internazionali.

L'appuntamento dei sostenitori della campagna Menoume Evropi (Restiamo in Europa), appoggiata dai conservatori di Nea Demokratia, dai socialisti del Pasok e dal movimento europeista To Potami (Il fiume), era per le 19:30 (le 18:30 in Italia).

Il presidente di Nea Dimokratia ed ex premier Antonis Samaras ha diffuso ieri pomeriggio un video messaggio, rilanciato dalle TV, in cui esprime il suo appoggio alla manifestazione e invita i greci a votare Sì al referendum di domenica prossima "per la Grecia e per l'Europa". 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Crisi Grecia, perché è (anche) nelle mani di Mario Draghi

La Banca centrale europea darà un contributo decisivo per evitare il peggio: sostegno agli istituti greci, Quantitative easing, e l'Omt

Grecia: gli scenari dopo il referendum del 5 luglio

La vittoria del no e il default potrebbero mettere a rischio la stabilità dell’euro e dell’UE. L'Italia sarebbe tra i Paesi più esposti

Grecia: il diritto di essere europei e il ricatto del nazional-populista Tsipras

Chi negozia con Atene difende gli ideali che hanno fondato l'Europa. Davanti si trova un demagogo che tradisce i giovani e difende i privilegi

Grecia: le paure di Obama

La Casa Bianca fa pressing affinché si raggiunga un accordo. Sullo sfondo, il timore di una nuova influenza della Russia su Atene

Grecia: si tratta ancora

Grecia, grande incertezza per il referendum

Schieramenti vicinissimi. Respinto il ricorso per sospendere la consultazione. Tsipras ribadisce: la vittoria del "no" porterebbe a un accordo migliore

Commenti