Matteo Politanò

-

Il vulcano Mayon, uno dei più grandi delle Filippine, è tornato ad eruttare seminando il terrore nella zona, a 330 chilometri a sud di Manila. Oltre 12.000 persone sono state evacuate entro un raggio di 7 chilometri e le autorità locali hanno alzato l'allerta a 4 per il timore di nuove eruzioni. Dal vulcano è uscita un'enorme colonna di frammenti vulcanici, cenere e vapore che hanno avvolto in una nuvola nera i villaggi che si trovano nelle vicinanze.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Filippine: rissa per gli hamburger in offerta

La guerra contro l'Isis nelle Filippine

A Mindanao gruppi ribelli affiliati allo Stato Islamico hanno deciso di costruire un Califfato. L'esercito è intervenuto con carri armati e elicotteri

Il tifone Haima su Filippine e Hong Kong - Foto

La supertempesta con venti fino a 225 km orari ha causato almeno 8 morti. Oltre 80 mila gli sfollati

Filippine: la guerra sporca di Duterte contro tossici e spacciatori

Omicidi extragudiziali. Squadroni della morte. E un numero di vittime superiore alle 3300 persone: cresce la preoccupazione per il "Vendicatore" di Manila

Commenti