Esteri

Un drone americano uccide l'hacker britannico dell'Isis

Fonti governative si dicono fiduciose che l'operazione eseguita a Raqqa, nel nord della Siria, abbia eliminato proprio Junaid Hussain

drone siria

Redazione

-

Anche se sono ancora in corso i controlli per accertarne a tutti gli effetti l'identità, fonti governative americane si dichiarano fiduciose che la persona uccisa da un drone a Raqqa, nel Nord della Siria, sia proprio il 21enne britannico Junaid Hussain, considerato a capo della rete di hacker dell'Isis, nonché l'ispiratore dell'attacco contro un'esposizione di vignette su Maometto nel maggio scorso a Garland, in Texas.  

Obiettivo del raid con i droni era proprio Hussain, che grazie a informazioni di Intelligence è stato preso di mira non appena è sceso da un'auto a Raqqa, "capitale" del Califfato nell'area settentrionale della Siria. Sempre fonti americane riferiscono che le forze britanniche non hanno preso parte a quest'operazione, che - se davvero andata a buon fine - infligge un duro colpo all'Isis sul fronte delle attività di propaganda e reclutamento online, che avevano nel giovane il primo "formatore" dei miliziani jihadisti.

L'annuncio dell'eliminazione di Junaid Hussain fa seguito a quella dello scorso 21 agosto scorso, in cui le forze armate statunitensi avevano reso noto di aver ucciso in un altro raid vicino a Mosul, in Iraq, Haji Mutaz, considerato il numero due del Califfo Abu Bakr al Baghdadi e il coordinatore per l'Isis dello spostamento di armi, esplosivi, veicoli e persone fra Iraq e Siria.

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti