Photo Department

-

Attraverso una selezione degli scatti migliori realizzati dai fotoreporter che ne seguono l'attività quotidiana, con questa gallery seguiremo il mandato di Donald Trump, 45° Presidente degli Stati Uniti d'America, iniziato ufficialmente con la cerimonia di insediamento del 20 gennaio 2017


Rinnovando una tradizione che risale alla presidenza di John Fitzgerald Kennedy (35° Presidente dal 20 gennaio 1961 al 22 novembre 1963, giorno del suo assassinio), anche Donald Trump ha nominato un Chief Official White House Photographer. A ricoprire l'incarico - svolto durante i due mandati di Obama da Pete Souza - è stata chiamata la fotografa Shealah Craighead, che giù aveva ricoperto questo ruolo durante la presidenza di George W. Bush.


Al momento, sulla nuova pagina Flickr della Casa Bianca ci sono però ancora pochi scatti ufficiali, solo alcuni dei quali di Craighead, né se ne trovano sulla pagina Facebook della fotografa o sul suo account Twitter, che appaiono congelati al momento del suo incarico ufficiale a Washington.  

(Fotogallery del 21 febbraio 2017. Ultimo aggiornamento del 26 aprile 2017.)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Donald Trump: tutte le gaffe del presidente

Dai tweet alle telefonate fino agli incontri "imbarazzanti" dell'inquilino della Casa Bianca

Trump inventa un attentato in Svezia

A un comizio il presidente parla di un attacco terroristico mai esistito. E scoppia il caso diplomatico

Trump stravolge 40 anni di diplomazia Usa sulla Palestina

Trump: la "Russian Connection" e l'ombra dell'impeachment

Ancora gli odiati media - The New York Times - e ancora intercettazioni - con l'intelligence russa - fanno tremare il presidente

La pericolosa guerra di Trump con l'intelligence Usa

"Colpa dei servizi se Flynn ha dovuto dimettersi". Il presidente prepara la nomina di un imprenditore outsider a supervisore. I rischi dello scontro senza precedenti

Usa: si dimette Flynn, consigliere per la sicurezza nazionale di Trump

A farlo cadere il fatto di aver mentito sul contenuto delle telefonate con l'ambasciatore russo. Al suo posto Keith Kellogg (ad interim)

La politica petrolifera di Donald Trump

L'accordo sugli oleodotti canadesi e gli incentivi alle rinnovabili rendono già possibile per gli Usa l’affrancamento dall'Opec

Trump in lotta anche con i Sioux: avanti con l'oleodotto "Dakota"

Mentre il presidente della tribù era in volo per Washington, ecco arrivare l'atto con cui si autorizza la ripresa dei lavori nella riserva

Commenti