Donald Trump all'ONU: il sovranismo contro Iran e Corea del Nord

Nel suo primo discorso da presidente, dichiara "imbarazzante" l'accordo sul nucleare con Teheran e promette di distruggere Pyongyang in caso di attacco

Donald-Trump

Il Presidente Usa Donald Trump all'Assemblea Generale dell'Onu - 19 settembre 2017 – Credits: EPA/JUSTIN LANE

Redazione

-

È il Donald Trump a cui ormai siamo abituati quello che si presenta al Palazzo di Vetro dell'Onu per il suo primo speech (41 minuti) da Presidente Usa all'Assemblea Generale. Nessun discorso che possa calmare le tensioni internazionali in corso, bensì toni forti, spirito belligerante, attacchi ai "paesi canaglia" (Iran, Corea del Nord, Siria), priorità sempre e comunque all'America e poi al resto del mondo. Obiettivo: cancellare tutte le riforme dell'amministrazione Obama.

Un'America che "sta facendo bene" da quando lui è salito alla presidenza, ha dichiarato, e che diventerà militarmente "sempre più forte" soprattuto per difendersi da terrorismi e estremismi. "Gli Americani nel tempo hanno pagato il prezzo più alto per difendere la libertà, anche di altri Paesi" ha detto Trump. "Abbiamo combattuto non perché volevamo un'espansione territoriale. Noi vogliamo amicizia e armonia e non conflitto e guerra".

Le minacce alla Corea del Nord

Eppure un secondo dopo il presidente è tornato alla ribalta con le sue idee sovraniste: "Solo le nazioni sovrane devono essere alla base dell'ordine mondiale" ha dichiarato davanti all'Assemblea per attaccare subito dopo la Corea del Nord dove vige un "regime depravato che va isolato" e che se mai dovesse attaccare sarebbe automaticamente "distrutta" dalla potenza militare americana. "Non c'è altra scelta" ha dichiarato Trump apostrofando ancora una volta il dittatore nordcoreano Kim Jong-un con il nomignolo di "Rocket man", un "uomo razzo" in missione suicida.

La Corea del Nord deve denuclearizzarsi, ha ribadito il presidente, "è questo l'unico futuro".

L'accordo con l'Iran

Ma è soprattutto l'attacco contro l'Iran a preoccupare la comunità internazionale. L'accordo sul nucleare iraniano firmato nel 2015 tra Iran e i membri del Consiglio di Sicurezza dell'Onu con potere di veto (Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Russia e Cina) con l'aggiunta della Germania è stato definito da Trump "uno dei peggiori, un imbarazzo per gli Usa. E non avete ancora sentito le ultime, credetemi" ha concluso con tono minaccioso e un riferimento chiaro all'appuntamento di metà ottobre quando la sua amministrazione sarà chiamata a certificare il rispetto dell'intesa.

Trump ha inoltre chiesto all'Iran di liberare tutti gli Americani detenuti e di smettere di sostenere il terrorismo incontrando ovviamente il plauso di Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano.

Il SudAmerica: Cuba e Venezuela

Non si ferma all'Oriente la minaccia americana. Guarda con attenzione anche al centro e sud America.

"Gli Stati Uniti sono pronti ad agire nei confronti del governo del Venezuela" dove deve essere ripristinata la democrazia. "Quella in Venezuela è una dittatura socialista che è inaccettabile, che sta portando l'economia al collasso" e l'America, come "amico e vicino responsabile deve avere un obiettivo: il ripristino della libertà, della pace e il ritorno della democrazia".

Stesso obiettivo su Cuba: "Non toglieremo le sanzioni fino a che il regime non farà le dovute riforme per il suo popolo" ha detto.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ivanka Trump: "Non sarò io a far cambiare mio padre Donald"

Ritenuta il consigliere più affidabile del presidente, la figlia del tycoon minimizza la sua influenza nelle decisioni paterne. "Non lo trasformerò in un liberale"

Bando agli immigrati: la Corte Suprema dà ragione a Trump

Approvato il provvedimento che limita l'ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen

Trump, l'attacco ai Dreamers voluto dai falchi repubblicani

Il presidente (sempre più debole) paga dazio alla retorica elettorale intervenendo su una legge che funzionava ed era sostenuta anche dagli imprenditori

Donald e Melania Trump in Texas: perché è stata una visita flop

Prima il tacco, poi il cappellino con la scritta FLOTUS lei. E lui incapace di parole consolatorie. Non basta vincere l'elezione per essere un "presidente"

Joe Arpaio, lo sceriffo razzista graziato da Trump

Storia del fedelissimo del presidente accusato di violazione di diritti civili, abuso di potere e discriminazione razziale contro la comunità ispanica

Commenti