Decapitato un ostaggio francese in Algeria

Dopo il rapimento, la decapitazione. Ancora annunciata da un video. La vittima si chiama Hervé Pierre Gourdel, una guida di montagna di Nizza

Gourdel

L'immagine di Hérve Gourdel sul balcone di una casa di Saint-Martin-Vésubie – Credits: Getty Images

Dopo aver rivendicato ieri, martedì 23 settembre, il rapimento di un cittadino francese in Algeria, minacciando di ucciderlo entro 24 ore se la Francia non fosse riuscita a fermare i raid in Iraq e in Siria, il gruppo jihadista algerino Jund al-Khilafa (I soldati del Califfato) legato all'Isis ha decapitato l'ostaggio diffondendo un macabro video con l'esecuzione che sta circolando su Internet. Il nome dell'uomo è Hervé Pierre Gourdel, una guida di montagna di Nizza di 55 anni, appassionata di viaggi e fotografia (leggi il ritratto del Nouvelle Observateur).

Solo ieri, nel video del sequestro in mezzo a un gruppo di miliziani mascherati, chiedeva al presidente Hollande di aiutarlo a uscire dalla situazione in cui si trovava e precisava di essere arrivato in Algeria sabato e di essere stato rapito domenica sera. La rivendicazione del gruppo armato giunge a poche ore dall’ultimo messaggio dell’Isis in cui veniva chiesto di uccidere «i miscredenti americani e europei, soprattutto uno sporco francese». 

Il video dell'esecuzione:

ATTENZIONE, il filmato potrebbe urtare le persone sensibili

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Siria: le immagini dei bombardamenti contro l'Isis

Le foto dei primi raid degli Usa e dei Paesi arabi "alleati" contro i miliziani islamici

In fuga dall'Isis: i profughi curdi verso la Turchia

Nelle fotografie di Bulent Kilic, la paura e il coraggio della popolazione in cerca di riparo dalla furia dei jihadisti, sul confine turco-siriano

Isis: il discorso di Obama al palazzo di Vetro

Il presidente all'Onu: "Non è una guerra tra Occidente e Islam, ma contro un gruppo di fanatici"

Isis e Khorosan: che cosa rischia l'Italia

Le operazioni militari degli Usa in Medioriente stanno scatenando una spirale di odio. Che potrebbe coinvolgere il nostro Paese

Commenti