Asmae Dachan

-

Almudena Bernabeu è Procuratore internazionale e direttrice del Transitional Justice Programme al Center for Justice and Accountability (Cja), in prima fila per chiedere l’incriminazione degli autori dei crimini commessi in Siria.

“Alla luce di quanto emerso dal dossier Caesar  (le fotografie dei corpi dei detenuti morti sotto tortura nelle carceri del regime, ndr), stiamo lavorando, soprattutto con la comunità siriana che ormai vive all’estero, per cercare di rintracciare i parenti delle vittime. Stiamo investigando sulle responsabilità che ci permetteranno di chiedere l’imputazione dei colpevoli di atti di tortura deliberati e sistematici e dell’uccisione di civili siriani”.


Il Procuratore rivela che si opera con i parenti delle vittime che risiedono all’estero o che hanno una seconda cittadinanza rispetto a quella siriana, per garantirne l’incolumità ed evitare ritorsioni. Ma anche tra i siriani all’estero molti hanno timore a esporsi.

Comprendiamo le loro paure – dichiara Benabeu- , sono stati spesso presi di mira anche quando non erano coinvolti in nessuna forma di protesta. Credo, comunque, che la complessità della crisi siriana non permetta alcun cambiamento dall’esterno, ma solo attraverso iniziative intraprese dai siriani stessi. La mia speranza è di aiutare i siriani a ottenere giustizia. Abbiamo le capacità di avviare azioni legali e la mia speranza più profonda è che questa consapevolezza dia loro coraggio. Dobbiamo agire, non abbiamo più tempo”.

Il dramma delle torture, infatti, in Siria è tutt’altro che passato.

Secondo il Centro di documentazione delle violazioni in Siria, Vdc, infatti, ci sono oltre 64mila persone nelle carceri siriane che subiscono abusi e ci si chiede qual è il loro destino e se mai nessuno fermerà le violenze di al Assad.

“A essere onesta, sono oltre dieci anni che cerco di mostrare che il partito Ba’ath e che molti alawiti stanno abusando dei diritti umani. Bashar al Assad, suo padre, suo zio e il loro regime hanno terrorizzato e controllato il popolo siriano per troppo tempo e la gente vive nella paura e tace. Dobbiamo interrompere questo circolo vizioso e dare ai siriani la possibilità di un riscatto. Mi piange il cuore a vedere così tante vittime dimenticate. Ecco perché sono qui a lavorare al fianco del popolo siriano e vorrei fare del mio meglio per loro”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Siria, le voci dall'inferno di Aleppo

La città simbolo della tragedia siriana sta morendo sotto i bombardamenti. Ecco alcune testimonianze raccolte in questi giorni

Siria, "Il mio compito era documentare la morte", la mostra di Caesar

Fino al 9 ottobre al Maxxi di Roma gli scatti trafugati di un ex ufficiale di polizia siriano che ha documentato le torture nelle carceri del regime di Assad tra il 2011 e il 2013

Siria: Assad e la Russia non intendono fermare i raid su Aleppo

L'Oms chiede l'apertura di corridoi umanitari. Secondo l'Unicef in città 100mila bambini usano acqua contaminata. Tensione Mosca-Washington

Siria, la guerra raccontata da una bambina

Bana al-Abed, 7 anni, la piccola che parla della tragedia dei bombardamenti attraverso Twitter

Siria: cessate il fuoco dalla mezzanotte del 30 dicembre

La tregua (che vede però escluse le milizie estremiste islamiche) annunciata dalla Russia, insieme con la riduzione della sua presenza militare

Siria, la Ue non prevede sanzioni per la Russia

Nel documento finale al termine del Consiglio Europeo prevale la linea di "tutte le opzioni disponibili" per punire chi sostiene il regime di Assad

Siria, tregua inutile: ad Aleppo si torna a combattere

Il cessate il fuoco dichiarato da russi e lealisti è scaduto senza che alcun convoglio umanitario dell’ONU riuscisse a entrare nella città assediata

Commenti