Così l'Isis tortura e uccide i bambini

Venduti come schiavi sessuali, usati come attentatori suicidi, decapitati: il destino dei minorenni delle etnie minoritarie nei territori Isis

isis

Un frame di un video tratto da Youtube – Credits: Youtube

Uccidono, torturano, violentano e vendono come schiavi sessuali i bambini dei gruppi etnici minoritari in Iraq. La denuncia su quest'ultimo capitolo dell'orrore islamista è contenuto in un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato a Ginevra. Secondo il comitato dei diritti dell'infanzia delle Nazioni Unite i bambini e i minorenni nei territori amministrati dall'Isis in molti casi vengono anche crocifissi, decapitati e sepolti vivi. Oppure usati come scudi umani o come attentatori suicidi, dopo essere stati indottrinati e imbottiti di tritolo.

«Abbiamo dettagliate informazioni su bambini, specie con problemi mentali, che sono stati usati come kamikaze, probabilmente senza che loro capissero esattamente quello che stavano facendo» ha spiegato Renate Winter, uno dei 18 esperti incaricati dall'Onu di redigere il rapporto. «Ci sono video dove un gruppo di bambini di otto anni, o anche meno,  vengono istruiti per diventare soldati killer». «È un problema di portata molto vasta che riguarda principalmente le etnie minoritarie, yazide, cristiane o sciite, ma non solo. Anche i bambini sunniti possono essere usati come carne da macello». 

I bambini delle etnie minoritarie, cui spesso è capitato di perdere i loro genitori a seguito della pulizia etnica realizzata dai miliziani, vengono spesso venduti nei mercati locali, con tanto di prezzo affisso sui vestiti. «Li trasformano un schiavi sessuali» ha aggiunto Winter che non ha fornito alcun dettaglio ulteriore. Ponendo poi una domanda chiave: «Abbiamo il dovere di proteggere questi bambini, ma come possiamo farlo in una situazione come questa?»


Guardate come brucia il pilota giordano: l'Isis proietta in piazza il video dell'orrore



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Isis: il video dell'orrore è un segno di debolezza

L'ostentazione di crudeltà con il pilota bruciato vivo, dimostra che il Califfato soffre le prime sconfitte

La legge del taglione con l'Isis

Perché le autorità giordane hanno deciso di vendicarsi dopo l'uccisione del pilota

Isis: perché la condanna di Al-Azhar è così importante

La "scomunica" dei terroristi da parte del principale centro studi dell'Islam sunnita ha un suo peso in tutto il mondo arabo

Commenti