Esteri

È nato il terzo Royal Baby: è un maschio

Poco prima dell'ora di cena William, Kate e il bebè hanno lasciato la clinica diretti a Kensington Palace. Nelle prossime ore verrà ufficializzato il nome

William e Kate presentano al mondo il terzo royal baby

Barbara Massaro

-

Dopo l'azzurro per presentare al mondo il Principe George e il giallo indossato da Kate per mostrare per la prima volta pubblicamente la Principessa Charlotte per il terzo royal baby la Duchessa di Cambridge ha scelto un abito rosso con manica a tre quarti.

Nel tardo pomeriggio William e Kate sono usciti davanti alla porta della Lindo Wing del St. Mary's Hospital per mostrare ai sudditi, alla stampa e quindi al mondo il loro terzo figlio.

Circa un'ora prima William, con la consueta giacca blu su camicia azzurra ,aveva lasciato l'ospedale per andare a prendere George e Charlotte che hanno conosciuto il fratellino dopo che la Regina aveva già visto il nipote.

La nascita del terzo royal baby, figlio di Kate e William, era stata annunciata ufficialmente tramite l'account Twitter di Kensington Palace.

Il bambino è nato alle 11.01 di stamane e William ha assistito al parto. Il bambino, che è in ottima salute, pesa 3,9 kg. La Regina e la famiglia reale sono già stati informati della notizia.

Il ricovero

La Duchessa Kate, infatti, era stata ricoverata alle prime ore della mattina a uno stadio iniziale del travaglio. A darne notizia, anche in quel caso, era stato l'account Twitter ufficiale di Kensington Palace sul quale si leggeva che accanto a Kate c'era il marito William e che la coppia era arrivata in auto alla Lindo Wing del St. Mary's Hospital dove oltre a George e Charlotte hanno visto la luce anche William e il fratello Harry.

 

Tradizioni che cambiano...

Prima di allora tutti i membri della famiglia reale sono sempre nati a Buckingham Palace. E' stata Diana a interrompere la tradizione e a preferire il parto in ospedale e anche se Kate avrebbe voluto riprenderla è stata sconsigliata dai medici per proteggere la salute di madre e figlio.

Questa "modernizzazione" del protocollo riguarda anche l'annuncio della nascita. Sin dal Medioevo la venuta al mondo di un nuovo membro della famiglia reale veniva annunciata dal banditore della Casa Reale in costume tradizionale che appendeva fuori da Palazzo un cartello con l'annuncio della nascita che in questo modo diventava di dominio pubblico. Questa tradizione antica viene tenuta viva da Tony Appleton che al momento ricopre il ruolo di banditore ufficiale. Prima di Appleton, però, sarà Twitter ad annunciare al mondo la nascita. 

La novità (adottata sia con George sia con Charlotte) è dovuta alla necessaria modernizzazione del rapporto tra i media, l'opinione pubblica e la Casa Reale che ha ceduto all'urgenza informativa contemporanea.

E tradizioni che restano

Altre tradizioni, però, risalgono alla notte dei tempi e vengono mantenute tutt'ora. La più importante è che la prima persona a dover essere informata della nascita del bebé è la Regina che, altresì, tramite un video telefono, sarà la prima a vedere il nipote (o la nipote). Dopodiché William chiamerà suo padre Carlo e i genitori di Kate. Gli ultimi a essere avvertiti saranno Harry e Pippa Middleton, i fratellli di William e Kate. Pippa, tra l'altro, ha appena annunciato di essere incinta del suo primo figlio che nascerà a ottobre. Dallo scorso maggio la sorella minore di Kate è sposata con James Matthews.

Altra tradizione rispettata è quella del segreto circa il sesso del bambino che è stato annunciato solo dopo la nascita del bambino così come il suo nome. Al momento i più quotati sono Arthur, Philip, Albert, Frederick e James, ma ci sarà da aspettare ancora qualche giorno per sapere il nome scelto dai Duchi di Cambridge così come i titoli che Sua Maestà vorrà conferire al nipotino.

Alla nascita del royal baby sono stati dei colpi di cannone a salve nei pressi della Torre di Londra, Hyde Park o Green Park in maniera che tutta Londra sapesse che il bimbo è nato.

Un protocollo ormai superato

Tra le tradizioni che, invece, si sono perse con il passare degli anni c'è quella che il Ministro degli Interni assista al parto per verificare la veridicità della discendenza e il divieto al padre del bambino di partecipare al parto.

In quest'ultimo caso è stata la Regina Elisabetta a cambiare le regole. Quando era nato Carlo Elisabetta aveva avuto un travaglio di oltre 30 ore nel corso delle quali il Principe Filippo aveva giocato a squash, fatto il bagno in piscina, cenato in abbondanza e si era rilassato passeggiando nei giardini reali.

Il tutto mentre Sua Maestà cercava di mettere al mondo il suo primogenito. La cosa pare che abbia fatto molto arrabbiare la Regina che, da allora, ha imposto al Duca di Edimburgo di essere presente in sala parto.

L'uso della presenza del Ministro dell'Interno in sala parto, invece, era stato introdotto nel XVII secolo quando fu messa in dubbio la legittimità di Giacomo Stuart, il figlio di Giacomo II e della regina Maria Beatrice.

L'ultima nascita cui ha assistito un membro del Governo è stata propprio quella di Elisabetta II nel 1926.

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Kate e Meghan, la "strana alleanza" che spaventa i Windsor

Le due quasi cognate hanno presenziato alla messa di Natale a Sandringham, insieme alla Royal Family. Kate e Meghan sono il volto nuovo della monarchia inglese

Kate Middleton incinta: i migliori look da gravidanza della Duchessa

Dalla prima alla terza gravidanza ecco come si è evoluto lo stile di Kate

William e Kate, in arrivo il terzo figlio

A sorpresa Kensington Palace ha annunciato la terza gravidanza per la Duchessa di Cambridge apparsa in splendida forma fino a pochi giorni fa

Commenti