Esteri

Corea del Nord, Ro Sul Ju, chi è la misteriosa moglie di Kim Jong-un

Cosa si sa della ex ballerina che vive all'ombra del dittatore che sfida il mondo con le minacce nucleari

moglie Kim Jong un

Eleonora Lorusso

-

Capelli mori e ben curati, vestita all'occidentale, un sorriso d'ordinanza e un portamento impeccabile.
Di Ri Sol-ju non si sa molto di più: ha (o sarebbe meglio dire "avrebbe") 33 anni, forse 34.
Sarebbe madre di tre figli, avuti dal marito e leader della Corea del Nord Kim Jong-un, ma il condizionale è d'obbligo quando si parla della consorte del temuto "Mr. Kim".
L'annuncio ufficiale della nascita proprio del terzogenito (o terzogenita) è giunto a fine agosto, ma l'evento risalirebbe allo scorso febbraio.

La moglie del capo indiscusso del regime di Pyongyang non appare in pubblico da mesi, ma potrebbe farlo a breve, in occasione del cosiddetto Party Foundation Day, ovvero la festa di fondazione del Partito dei Lavoratori nordcoreano, in programma il 10 ottobre e che rappresenta una delle due date più importanti per il Paese, insieme al 9 settembre, giorno in cui ricorre l'anniversario di fondazione della Repubblica Democratica Popolare di Corea.

Ri Sol-ju potrebbe dunque mostrarsi presto a fianco del leader nordcoreano, facendo nuovamente parlare di sé i media mondiali, che periodicamente si interrogano sulla consorte.

Chi è Ri Sol-ju

Ri Sol-ju rappresenta, in effetti, una First Lady "anomala", lontana dall'immagine più tradizionale di moglie di un capo di stato.

Di lei si conosce poco, è avvolta nel mistero persino la data del matrimonio con Kim Jong-un: i due si sarebbero sposati nel 2012, o almeno la notizia delle nozze risale alla fine di luglio di cinque anni fa, quando i media nordcoreani annunciarono il matrimonio.

Ma sono alcuni organi di stampa, come il sudcoreano Korea Times, l'unione risalirebbe al 2008, quando sarebbe stata celebrata in tutta fretta una cerimonia, subito dopo la morte per infarto del padre di Kim Jon-un, Kim Jong-il.

La coppia si presentò comunque in pubblico, per la prima uscita ufficiale, in occasione dell'inaugurazione di un parco divertimenti, mostrandosi a braccetto e sfoggiando grandi sorrisi. Da quel momento è stata una continua caccia di informazioni su quella donna, di cui si è scoperto solo che era stata cantante e (forse) ballerina. Kim Jong-un, infatti, avrebbe provveduto a far sparire dalla circolazione ogni traccia - compresi CD e DVD - che mostravano le sue performance passate.

Cantante e ballerina di buona famiglia

Nata nel 1984 (ma la data di nascita oscilla, a seconda delle fonti, tra il 1984 e il 1989), Ri Sol-ju apparterrebbe ad una famiglia benestante, con contatti piuttosto forti con la politica e il potentissimo Partito Comunista nordcoreano, e questo spiegherebbe l'incontro con Kim Jong-un. A differenza del marito, però, che avrebbe studiato in Svizzera, la moglie del leader nordcoreano avrebbe frequentato scuole in patria, per poi specializzarsi in canto in Cina e tornare in Corea del Nord per laurearsi alla Kim Il-sung University, l'ateneo che porta il nome del nonno di Kim Jong-un.

Nonostante il dottorato in Scienze, avrebbe coltivato la sua passione per il canto e il ballo, entrando a far parte della Unhasu Orchestra, nota per unire la tradizione canora nordcoreana con una strumentazione occidentale.

Ma nessun video è rimasto disponibile online sulla precedente attività della First Lady, compresa l'esecuzione - a cui accennano alcuni media internazionali - dell'inno dedicato al marito, Footsteps of Soldiers, traduzione dal nordcoreano Sobaeksu.

Secondo la ABC News e il New York Post, invece, nel 2005 la donna avrebbe ottenuto il permesso - concesso a pochissimi suoi concittadini - di lasciare il paese per recarsi nella Corea del Sud, insieme alla rappresentanza delle cheerleaders nordcoreane, in occasione degli Asian Athletics Championships.

In quella occasione avrebbe persino indossato abiti della statunitense Nike e avrebbe ballato con alcuni studenti universitari locali.

Immagine rassicurante a favore di "Mr. Kim"

Sono molti gli analisti internazionali che ritengono che il matrimonio tra "Mr. Kim" la moglie sia stato costruito ad arte, scegliendo una donna che potesse in qualche modo rassicurare l'opinione pubblica, fornendo un'immagine più presentabile e meno rigida del leader nordcoreano.

Non a caso sono rarissime le foto che la mostrano in abiti tradizionali, mentre Ri Sol-ju è apparsa pressoché sempre in pubblico vestendo all'occidentale. Prima delle nozze, comunque, alla moglie del leader supremo di Pyongyang, sarebbe stato fatto seguire un training di sei mesi, per imparare le regole di galateo ed etichetta formale, per diventare così una consorte degna del suo ruolo.

Il "giallo" dei figli

Un altro "giallo" riguarda il numero di figli del dittatore di Pyongyang. La moglie Ri Sol-ju apparve in pubblico con segni di una evidente gravidanza alla fine del 2012, lasciando ipotizzare che la nascita della prima figlia risalga all'inizio del 2013. Si ritiene che un secondo figlio sia nato nel 2015 e il terzo (o terza) proprio quest'anno.

Ma mancano conferme ufficiali: solo l'ex giocatore di basket dell'Nba americano Dennis Rodman, che ha contatti con il leader nordcoreano, al ritorno da un viaggio in Corea del Nord assicurò di aver visto la prima figlia di Kim.

D'altro canto non è chiaro se né quante amanti possa avere o avere avuto Mr. Rocket Man, come lo ha recentemente chiamato il Presidente statunitense, Trump. Secondo alcune indiscrezioni, che non hanno mai trovato conferme ufficiali, Kim Jong-un venne fotografato tempo fa al fianco di una presunta amante, incinta, la quale sarebbe poi stata fatta giustiziare su espressa volontà proprio della moglie di Kim, Ri Sol-ju.

Gli scandali

Nonostante le scarsissime apparizioni in pubblico, non sono mancate polemiche e scandali a Pyongyang, proprio a causa della moglie di Kim Jong-un.

In occasione di una delle prime apparizioni  in una base militare nordcoreana, infatti, Ri Sol-ju avrebbe sfoggiato una borsa extra-lusso firmata da Christian Dior, del valore di $ 1.700, in un Paese nel quale milioni di persone soffrono di stenti. Un gesto fortemente criticato in madrepatria, dove vigono rigide norme, che regolano persino quali e quanti (solo 15) tagli di capelli sono ammessi per uomini e donne.

Dopo quell'episodio la First Lady è mancata dalle scene per ben 4 mesi, durante i quali i media, soprattutto sudcoreani, hanno speculato, ipotizzando una nuova gravidanza o che la coppia presidenziale si fosse persino separata.

Il ritorno della "First Lady" pubblico

Ora si attende la prossima apparizione della donna "misteriosa" che vive all'ombra di Kim Jong-un e che, nonostante alcune critiche, rappresenta un modello per molte cittadine nordcoreane, per il suo stile. In un paese nel quale è forte il "culto" del leader, anche a Ri Sol-un spetta, infatti, il ruolo di icona per l'universo femminile. Una icona però silenziosa e lontana dalle luci, che devono rimanere tutte inevitabilmente sempre per "Mr. Kim".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Corea del Nord-Usa: le dichiarazioni di guerra che non esistono

Il ministro degli Esteri nordcoreano minaccia di abbattere i caccia americani davanti alla dichiarazione di guerra degli Usa. Che però, non c'è mai stata

Corea del Nord: da Seul, 8 milioni di dollari in aiuti umanitari

L'iniziativa è parte delle nuove politiche di apertura al dialogo con Pyongyang volute dal nuovo Presidente Moon Jae-in

Corea del Nord: per quali aziende è un ottimo business

L’intensificazione degli scambi fra Trump e Kim Jong-un impatta positivamente su alcuni bilanci

Corea del Nord: un altro missile sul Giappone. Cosa sappiamo finora

L'ordigno a medio raggio, che ha sorvolato l'isola di Hokkaido volando per 3700 km a 770 km d'altezza, poteva raggiungere la base americana di Guam

Corea del Nord: chi è Antonio Inoki, ex wrestler "amico" di Kim Jong-un

Abbandonato il ring, il pugile giapponese si è dato alla politica e, come senatore, è stato invitato a Pyongyang per parlare di sport e nucleare

Corea del Nord: la dura risposta alle nuove sanzioni Onu

Ancora un ammonimento agli Usa da parte di Kim Jong-un: "Il popolo americano dovrà affrontare il più grande dolore che abbia che mai provato"

Il piano della Corea del Sud per uccidere Kim Jong-un

Seoul sta preparando una task force ufficiale, l'unità di decapitazione, che avrà un unico obiettivo: la testa del dittatore nordcoreano

Commenti