Redazione

-

Il test ha funzionato ed è stato indicato come "di grande successo" e così il leader nordcoreano Kim Jong-un ha approvato la produzione su vasta scala del nuovo missile a medio-lungo raggio denominato Pukguksong-2 (KN-15).

Le caratteristiche del missile
L'ultimo missile, l'ottavo testato da inizio anno, ha coperto una traiettoria di circa 500 km e una altitudine massima di 560 km prima di cadere nelle acque del mar del Giappone. Il Pukguksong-2 è la versione terrestre del vettore da lancio sottomarino che usa combustibile solido, capace di rendere più difficile il rilevamento, soprattutto il fase di partenza.


Confermata inoltre l'ipotesi che il vettore possa montare una testata nucleare con dati telemetrici e videocamera tali da aumentare la precisione di attacco.

La posizione della Corea del Nord
Kim, che ha presenziato e diretto le operazioni, ha espresso ''grande soddisfazione'' per l'accuratezza militare della nuova arma, affermato che le attività di sviluppo devono proseguire verso ''la diversificazione e il miglioramento''.

Le reazioni dell'America
L'amministrazione americana di Donald Trump, che spinge su un intervento piu' deciso della Cina sull'alleato storico, ha anche suggerito la definizione di sanzioni ancora piu' dure in assenza di cambi di direzione di Pyongyang sulle ambizioni nucleari e balistiche.

In una prova di forza, Washington ha inviato verso la penisola coreana un secondo gruppo navale d'attacco guidato dalla portaerei Ronald Reagan, destinata ad affiancare la Carl Vinson. Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ora si riunirà d'urgenza.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Corea del Nord, quanto è davvero pericolosa

La lunga serie di botta e risposta tra Pyongyang e la Casa Bianca

Corea del Nord: storia e segreti della famiglia di Kim Jong-un

Una dinastia di uomini che crede di discendere da divinità e, per questo, condanna a morte parenti e migliaia di persone innocenti

Corea del Nord: esperimenti di libero mercato per tenere a galla il regime

Negoziare con Pyongyang è difficile perché Kim Jong Un, grazie al capitalismo, ha oggi le risorse sufficienti per auto-finanziarsi

Corea del Nord: Trump in realtà vuole il dialogo

Pazienza diplomatica: "non vogliamo cambio di regime" e "capiamo i loro timori per la sicurezza". Un altro esperimento missilistico fallito

Commenti