Pechino si compra l’America latina

Il presidente cinese arriva nell’area per la seconda volta in meno di un anno e mezzo: a caccia di affari

Il presidente cinese Xi Jinping in visita in Sud America – Credits: Getty

di Angela Nocioni

Il presidente cinese Xi Jinping visita l’America latina dal 17 al 23 luglio, con tappa in Brasile, Argentina, Venezuela e Cuba. È la seconda missione nell’area in poco più di un anno, a dimostrazione del crescente interesse del Dragone per i mercati e soprattutto le risorse naturali latinoamericane. Il tour avviene a pochi giorni da quello del presidente russo Vladimir Putin.

Nel 2013, l’America latina ha ricevuto il 13 per cento degli investimenti esteri di Pechino. E nonostante le misure protezionistiche di alcuni paesi, Argentina e Brasile soprattutto, le importazioni dalla Cina sono triplicate negli ultimi dieci anni. Nel primo trimestre 2014 l’import di acciaio cinese ha toccato 1,9 milioni di tonnellate, un balzo del 95 per cento rispetto al 2012. In Venezuela, principale destinazione degli investimenti cinesi nella regione, Pechino finanzia il debito pubblico e si fa ripagare in petrolio. Caracas spedisce ogni giorno nella Repubblica popolare 460 mila barili di greggio. In questo modo ha restituito 14,6 miliardi di euro, deve restituirne altri 22. Secondo l’Università di Boston, Exim bank e la Banca per lo sviluppo cinese hanno effettuato più investimenti nella regione della Banca mondiale. Tra il 2005 e il 2013 la Cina ha sborsato prestiti per quasi 75 miliardi di euro.

Leggi Panorama Online

© Riproduzione Riservata

Commenti