Esteri

Chi è l'uomo più vecchio del mondo

Si chiama Celino Villaneuva Jaramillo, è cileno e ha 121 anni (quattro in più della persona iscritta nel Guinness dei primati)

Celino Villaneuva Jaramillo

Redazione

-

È nato nel 1986, nell'anno in cui il cinematografo è arrivato in Italia e si è svolta la prima Olimpiade dell'epoca moderna. Si chiama Celino Villaneuva Jaramillo, è cileno, ha 121 anni e probabilmente è la persona più vecchia al mondo.

Ha quattro anni più di Nabi Tajima, la giapponese che nel Guinness dei primati è citata come la persona più anziana. Don Celino è più longevo, ma il suo certificato di nascita è andato perso nell'incendio che, quando aveva 99 anni, ha bruciato la sua casa e ha rischiato di togliergli la vita: gli ha lasciato addosso lievi ustioni, ma la sua resilienza ha avuto la meglio. 

La data di nascita nella sua carta d'identità cilena indica comunque 1896 e nessuno in Cile, dal presidente al ministro della giustizia (che gli ha personalmente consegnato il documento rinnovato nel 2016) dubita della sua età. 
Per il suo 115° compleanno, nel 2011, il presidente Sebastián Piñera è volato personalmente a Valdivia per festeggare il più vecchio cittadino del Cile e gli ha regalato un set di auricolari, due stampelle e una piccola stufa a legna.

Dagli uffici dell'anagrafe statale, come racconta il Guardian, garantiscono che Celino Villanueva Jaramillo sia nato effettivamente il 25 luglio 1896, a Río Bueno, città della regione di Los Ríos, nel Cile centrale. Non si è mai sposato né ha avuto figli. Oggi non può camminare se non aiutato da qualcuno, è quasi cieco, al 90%, a causa delle sue cataratte (operabili), per l'85% è sordo e privo di denti, quindi è difficile capire quello che dice.

Anche per questo è problematico reperire dettagli sulla sua vita. È certo che abbia sempre lavorato come contadino. Per circa 30 anni ha lavorato per un proprietario terriero chiamato Ambrosio Toledo che, quando don Celino ha raggiunto gli 80 anni, l'ha liquidato augurandogli il meglio e sostituendolo con uno più giovane, pregandogli di lasciare la casa in cui viveva. Per fortuna comunque i contributi pagati da Toledo hanno consentito a Celino Villanueva Jaramillo di avere una piccola pensione con cui vivere. 

Allora don Celino si è trasferito nel vicino villaggio costiero di Mehuín, nella baracca con il camino poi andata di fiamme. Da quando tutto gli è andato in fumo, una signora, Marta Ramírez, si è offerta di prenderlo con sé: sembrava un uomo fragile e in difficoltà. Allora Marta Ramírez aveva 63 anni, oggi ne ha 85 e Celino Villanueva Jaramillo è diventato un ospite a lungo termine. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti