Esteri

Charlottesville: dai Bush alla May, tutte le condanne contro i suprematisti bianchi

Da sinistra a destra, negli Stati Uniti e nel mondo, i leader politici si smarcano dalle dichiarazioni controverse di Trump

Anti-Trump

Simona Santoni

-

La diplomazia non fa certo parte delle doti di Donald Trump. E a ben vedere neanche il buon senso. Dopo aver condannato con ritardo la violenza neo-nazista degli scontri di Charlottesville, ha anche fatto dietrofront parlando di responsabilità da più parti e puntando il dito contro la "alt-left" (la sinistra estremista).

Da sinistra a destra, dai democratici ai compagni di partito repubblicani, la reazione è stata però pressoché unanime, negli Stati Uniti e nel mondo, anche dagli alleati più stretti: smarcarsi dal "Trump pensiero" e condannare l'odio di estrema destra.

Da Theresa May agli ex presidenti Bush, ecco i messaggi di monito a Trump e contro i suprematisti bianchi di Charlottesville.

Theresa May

"Non si può mettere sullo stesso piano chi ha visioni profondamente fasciste e chi si oppone a queste", ha reagito, dura, la premier britannica e leader del partito conservatore Theresa May.

"È importante che ogni persona in una posizione di responsabilità condanni le idee di estrema destra ogni volta che le sente".

I due ex presidenti Bush

I predecessori di Trump si sono uniti a un crescente numero di politici denunciando l'odio razziale. Gli ex presidenti degli Stati Uniti Bush, padre e figlio, repubblicani convinti, hanno fatto una dichiarazione congiunta: "L'America deve sempre denunciare l'intolleranza razziale, l'antisemitismo e l'odio in tutte le sue forme".

Barack Obama

Barack Obama, primo presidente degli Stati Uniti nero, democratico, predecessore diretto di Trump, non poteva non essere tra i primi a condannare le violenze di Charlottesville.

Lo ha fatto su Twitter, citando Nelson Mandela: "Nessuno è nato odiando un'altra persona per il colore della sua pelle o per la religione. Le persone devono imparare a odiare e se possono imparare l'odio, possiamo insegnare loro l'amore. Perché l'amore viene più naturale al cuore umano che il suo opposto".

Il suo tweet è diventato quello con più "mi piace" della storia di Twitter.

Angela Merkel

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha definito una "violenza razzista di ultradestra" quanto accaduto alla marcia dei suprematisti bianchi a Charlottesville, aggiungendo che in merito bisogna "agire in modo forte" e "pronunciarsi con chiarezza".


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

100 anni fa: gli Stati Uniti nella Grande Guerra - FOTO

Il 6 aprile 1917 il Presidente Wilson dichiara guerra alla Germania dopo 2 anni di incursioni tedesche contro le navi Usa

Stati Uniti, perché ritorna (in parte) il travel ban di Trump

Corte Suprema: chi arriva dai sei paesi mussulmani e non ha legami con gli Usa non può entrare. A ottobre decisione su tutta la questione

Cercare lavoro negli Stati Uniti: come si scrive un curriculum professionale

Ecco quali sono le regole da seguire per farsi notare in modo positivo secondo ExportUsa

Stati Uniti: l'ascesa dei suprematisti bianchi

Crescono i movimenti antisemiti che uccidono per preservare la purezza della razza bianca

Le 10 migliori società di selezione del personale negli Stati Uniti

Ecco quali sono gli indirizzi giusti per top manager e professionisti

Trump e l'Obamacare: come funziona la sanità negli Stati Uniti

Un sistema di cure gratis solo per i più poveri e gli anziani, il resto affidato allle assicurazioni. Fotografia dell’assistenza made in Usa

Commenti