Esteri

Charlie Hebdo: si rifà viva la moglie di Coulibaly

Hayat Boumedienne, vedova del terrorista, avrebbe telefonato in Francia alla famiglia domenica scorsa confermando di essersi aggregata all'Isis

coulibaly_moglie

Redazione

-

E' viva, sta bene ed è felice di... essersi unita all'Isis: Hayat Boumedienne, la vedova di Amedy Coulibaly, l'autore dell'attentato al supermercato ebraico di Parigi seguito all'attacco contro la redazione dello Charlie Hebdo da parte dei fratelli Kouachi, ha telefonato in Francia alla famiglia per difendere la sua scelta di raggiungere l'organizzazione dello Stato islamico. Questa l'indiscrezione che arriva da RTL, secondo cui la donna - ricercata dai servizi segreti per la sua presunta complicità negli attentati - ha raccontato di vivere nei territori sotto il controllo del Califfato, di seguire corsi di arabo e di leggere il Corano, rispettando le regole imposte dall'Isis ("per potervi chiamare ho dovuto chiedere il permesso", pare abbia tra l'altro detto ai familiari nel corso della comunicazione).  

Lo scorso 8 gennaio, alla vigilia dell'assalto all'Hyper Cacher, Hayet Boumedienne aveva passato la frontiera turco-siriana, facendo poi perdere le sue tracce sino a un'intervista al magazine dello Stato Islamico, Dar-al-Islam, in cui si compiaceva di aver "raggiunto il Califfato". E ora, appunto, la telefonata in Francia.

© Riproduzione Riservata

Commenti