Chiara Degl'Innocenti

-

Sì. La Catalogna ha votato sì all'indipendenza unilaterale dalla Spagna. Il Parlament ha così approvato la risoluzione con la costituzione della Repubblica catalana quale "Stato indipendente e sovrano di diritto democratico e sociale". Il voto, avvenuto a scrutinio segreto, è stato assegnato solo dai partiti indipendentisti, mentre popolari, socialisti e Ciudadanos abbandonavano l'aula.

Subito dopo l’approvazione all’interno del parlamento, oltre che in piazza, tra i deputati e la gente comune è esploso in un boato di felicità: intonato l’inno nazionale catalano, al grido di "Visca Repubblica" (Viva la Repubblica) è iniziata una vera e propria festa.

In una gallery le foto più belle che rappresentano il primo giorno, dopo il referendum del 1 ottobre, che segna la vera indipendenza della Catalogna dalla Spagna.

Per approfondimenti:

Catalogna come la Jugoslavia

Catalogna, Il discorso del re

Catalogna, storia del presidente ribelle

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Catalogna: a Barcellona proteste contro gli arresti

La Catalogna vuole soprattutto l'autonomia fiscale

La voglia di indipendenza della regione potrebbe essere soddisfatta con modifiche allo statuto dell'autonomia simili a quelle concesse ai Paesi Baschi

Catalogna: oltre l'indipendenza, le ideologie

Comunismo e franchismo incombono alle spalle di due tra le figure chiave della vicenda catalana: le "pasionarie" Soraya Saenz de Santamaria e Anna Gabriel

Catalogna in bilico sul burrone dell'indipendenza

Puigdemont ha furbescamente frenato il processo avviato con il referendum, senza indicare però una via d'uscita dallo scontro con Madrid

Catalogna: ecco chi pagherà il conto in caso di secessione

Le principali incognite riguardano consumatori, aziende, valuta e debito pubblico

Commenti