Esteri

Caso Regeni: si muove (forse) l'Europarlamento

La stampa egiziana parla di una futura convocazione dei genitori a Strasburgo, mentre in Italia gli è dedicato il Meeting delle scuole e si mobilita la Serie A

europarlamento_regeni

Redazione

-

Non c'è solo l'attacco del New York Times alla Francia a scuotere l'opinione internazionale sul caso Regeni. Secondo quanto riferito dalla stessa stampa egiziana, nello specifico dal quotidiano Shourouk, un gruppo di eurodeputati sarebbe infatti fortemente intenzionato a convocare al Parlamento europeo i genitori del ricercatore italiano torturato e ucciso al Cairo.

In particolare, nell'articolo di parla di una serie di incontri che si sarebbero tenuti all'ambasciata dell'Egitto a Strasburgo tra una delegazione parlamentare egiziana e alcuni membri del Parlamento europeo e del fatto che le dichiarazioni dei deputati nordafricani (che continuano a negare ogni coinvolgimento delle forze di sicurezza nell'omicidio del giovane) avrebbero appunto spinto i membri del Parlamento europeo a pensare di incontrare quanto prima nella sede francese i genitori del giovane. 

Dedicato a Giulio il Meeting nazionale delle scuole
Malgrado la notizia sia ancora tutta da verificare, è indubbio che il caso Regeni vada ormai oltre i rapporti diplomatici tra Italia ed Egitto, anche se ovviamente è soprattutto il nostro Paese a spingere per la ricerca della verità non solo a livello politico. E' ad esempio il caso del Meeting nazionale delle scuole per la pace, la fraternità e il dialogo, ora in svolgimento ad Assisi e dedicato appunto al ricercatore italiano.

Il plauso di Mattarella
Una scelta, quella del Meeting di Assisi, che ha trovato anche l'apprezzamento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel messaggio inviato agli organizzatori: "Un apprezzamento particolare intendo esprimere per la scelta di dedicare a Giulio Regeni l'edizione di quest'anno del vostro Meeting", ha scritto il capo dello Stato. "Non vogliamo e non possiamo dimenticare la sua passione e la sua vita orribilmente spezzata. Fare memoria è un atto di pace che, sono convinto, aiuterà queste giornate di Assisi a produrre nuovi frutti". 

Un'iniziativa anche dal mondo del calcio
"Verità per Giulio Regeni" sarà poi anche chiesta dal nostro mondo del calcio nelle partite di Serie A e B in programma dal 23 al 25 aprile, con i bambini che di solito accompagnano le squadre in campo chiamati prima del fischio d'inizio a reggere lo striscione che invoca giustizia per il ricercatore.


© Riproduzione Riservata

Commenti