Esteri

Caso Marò, Salvatore Girone sarà in Italia il 2 giugno

La Corte suprema indiana ha stabilito che potrà tornare a casa durante il processo del Tribunale arbitrale internazionale

salvatore-girone

Redazione

-

Salvatore Girone può tornare. La Corte Suprema indiana ha accettato di rendere immediatamente esecutivo l'ordine del Tribunale arbitrale internazionale dell'Aja di far rientrare in Italia il fuciliere di Marina per tutta la durata del procedimento arbitrale.

- LEGGI ANCHE: Marò, tutte le tappe della vicenda

- LEGGI ANCHE: CAso Marò, come funziona l'arbitrato internazionale

- LEGGI ANCHE: Caso marò, i tentativi di riportare Girone in Italia

Una buona notizia dopo quattro anni di attese e incertezze, da quando Girone e Massimiliano Latorre furono arrestati in Kerala con l'accusa di aver ucciso due pescatori indiani scambiandoli per pirati, mentre erano in servizio a bordo della nave mercantile italiana Enrica Lexie. 

 

Soddisfatto il governo italiano che quasi un anno fa aveva deciso di avviare l'arbitrato internazionale sulla giurisdizione del caso che Italia e India si contendono dal 2012. Il primo a dare il "bentornato" a Girone è stato il premier Matteo Renzi con un tweet dal Giappone dove si trova per il G7.

 


"L'ho sentito al telefono, siamo felici e soddisfatti", ha twittato anche il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, mentre il suo collega degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha sottolineato che è stato così "premiato l'impegno del Governo con il sostegno del Parlamento". Ma l'emozione più forte arriva dalla sua Puglia. "Felicissima!!! Finalmente insieme!!", ha fatto sapere la moglie di Girone, Vania Ardito.

"È una bella giornata. Ti aspettiamo Salvatore. Qui c'è il sole", ha scritto il sindaco di Bari, Antonio Decaro. 

A New Delhi intanto il Fuciliere attende le pratiche per il rimpatrio che potrà avvenire già nei prossimi giorni, con il deposito presso la Corte Suprema di una nuova garanzia scritta dell'Italia e con la richiesta di visto di uscita all'ufficio competente.

Girone sarà quindi accompagnato in Italia dal generale Carmine Masiello, consigliere militare di Palazzo Chigi e dall'ambasciatore italiano in India, Lorenzo Angeloni.

La Corte Suprema ha tuttavia fissato alcune condizioni per il rientro e la permanenza del maro' in Italia, che restera' sotto la sua autorità. Tra queste, l'impegno per il governo italiano a riportarlo a Delhi entro un mese se e quando il Tribunale arbitrale dovesse riconoscere la giurisdizione indiano sulla vicenda. Decisione che comunque non arrivera' prima dell'estate 2018. (ANSA).


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marò: Latorre può restare in Italia fino a fine settembre

Decisione della Corte Suprema di New Delhi. La Farnesina: in attesa della sentenza del Tribunale del diritto del Mare, la giurisdizione indiana è sospesa

Caso Marò: posticipato il rientro di Latorre

Commenti