Esteri

Il Canada dice sì a 25 mila profughi siriani, ma che non siano maschi single

La decisione presa per ridurre il rischio di accogliere estremisti islamici. Diritto di accoglienza invece per gay e transgender

canada rifugiati siriani

Redazione

-

10 mila rifugiati siriani entro fine anno, da far salire a 25 mila a febbario 2016: questo il piano di accoglienza definito in questi giorni dal Canada, che ha però contestualmente deciso di porre dei limiti non solo numerici ma anche "di stato civile" all'operazione. Secondo anticipazioni diffuse dalla Cbc, infatti, il governo di Ottawa ha intenzione di aprire le frontiere solo a donne, bambini e famiglie, rifiutando invece l'accesso ai maschi single.

Una discriminazione preventiva
Perché il Canada non vuole accogliere maschi siriani senza moglie e prole al seguito? Per ridurre il rischio di far entrare estremisti nel Paese, dal momento che - secondo le autorità di sicurezza canadesi, già impegnate nei debiti controlli sui rifugiati in Libano - è quello il profilo sociale più diffuso tra quanti appoggiano l'Isis e le altre realtà del terrorismo islamico. Eccezioni previste: quelle per gay e transgender, perché in quei casi viene concesso il diritto all'asilo in quanto persone perseguitate in patria proprio a causa delle loro inclinazioni sessuali.

Fonti ufficiali hanno poi reso noto che la maggior parte dei profughi in arrivo dalla Siria sarà inizialmente ospitata in una serie di basi militari, così come in strutture attualmente abbandonate (come alberghi e ospedali) che saranno appositamente recuperate per accogliere da qui a febbraio i 25 mila esuli previsti.

© Riproduzione Riservata

Commenti