Esteri

Bulgaria, scontri tra polizia e migranti: un morto al confine turco

Ancora tutte da chiarire le cause. Intanto a Bruxelles, l'Ue e la Turchia fanno un decisivo passo avanti nel piano sull'immigrazione

migranti rifugiati serbia croazia

Redazione

-

Un migrante è stato ucciso mentre cercava di entrare in Bulgaria dalla Turchia. "Faceva parte di un gruppo di profughi ed è stato ferito da un colpo sparato da un'arma da fuoco. E' morto sulla via verso l'ospedale", ha riferito una portavoce del ministero dell'Interno bulgaro.

L'incidente, le cui cause non sono state chiarite ufficialmente, è avvenuto nell'area di Sredets, città nella Bulgaria sudorientale.

L'uomo proveniva dall'Afghanistan e, secondo il canale radiofonico pubblico Bnr, era insieme con altre 47 persone, armate.

Si sarebbero rifiutati di ubbidire all'ordine di tornare indietro ma non è chiaro se sia stato colpito direttamente da un proiettile sparato dalla polizia o se questa abbia sparato in aria e la pallottola sia in qualche modo rimbalzata su lui.

Si è trattato del primo incidente grave in Bulgaria, Stato non-Schengen.

Il primo ministro Boyko Borisov è stato costretto a lasciare il vertice Ue a Bruxelles ed è rientrato in patria.

Intanto, pressapoco nelle stesse ore, è stato trovato un accordo di massima sul fatto che la Turchia debba farsi carico dei rifugiati siriani impedendo loro di entrare in Europa, in cambio di aiuti e soprattutto dell'avvio concreto del processo di adesione all'Ue.



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L'Europa e i migranti, tra Frankenstein e Arlecchino

Dal vertice straordinario di Bruxelles, quel che esce è la solita incapacità dei Paesi membri di parlare - metaforicamente - un'unica lingua

Angela Merkel alla Tv tedesca: "Mai lasciata sola l'Italia sui migranti"

La cancelliera partecipa a un noto talk-show per difendere la sua politica d'accoglienza e lanciare un appello ai ministri UE riuniti in Lussemburgo

Migranti in fuga dalla guerra: serve una tutela diversa

Oxfam Italia lancia un appello agli Stati membri dell’UE per una diversa e più efficace politica per la protezione dei profughi

Commenti