Esteri

Bruxelles: l'artificiere della cellula Isis aveva lavorato all'aeroporto

Najim Laachraoui, uno dei due terroristi esplosi a Zaventem era stato impiegato per 5 anni nello scalo, reclutato da un'agenzia interinale

Najim-Laachraoui-bruxelles

Najim Laachraoui, uno dei due kamikaze che il 22 marzo si sono fatti saltare in aria all'aeroporto di Zaventem, aveva lavorato allo scalo internazionale per 5 anni.

Il terrorista - sostiene la tv belga Vtm - era stato impiegato all'aeroporto di Bruxelles fino al 2012, prima di lasciare il Paese per la Siria.

Laachraoui è considerato l'artificiere degli attentati a Bruxelles del 22 marzo e di Parigi del 13 novembre 2015.

Era stato reclutato da un'agenzia di lavoro interinale, ha precisato la Vtm, senza fornire dettagli sul tipo di mansione svolta ma ricordando che il personale viene solitamente sottoposto a controlli di sicurezza prima di ottenere il badge di accesso.

La notizia non è stata confermata ufficialmente.
Già in precedenza era venuto alla luce che il 24enne studente d'ingegneria aveva lavorato per due brevi periodi come addetto alle pulizie al Parlamento europeo tra il 2009 e il 2010.
All'epoca, la sua fedina penale era pulita, si erano affrettate a sottolineare le istituzioni Ue.

Sempre l'emittente belga ha riferito mercoledì della scoperta, allo scalo di Bruxelles, poco prima degli attentati, di una stanza nascosta dove "membri dello staff radicalizzati si trovavano per pregare in segreto". La stanza era stata chiusa su richiesta della polizia, che aveva anche stilato una lista di "almeno 50 impiegati dello scalo radicalizzati".
(Ansa)

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Bruxelles: chi sono le vittime degli attentati - Foto

È di 32 il bilancio dei morti della strage in Belgio, tutte identificate. Sono 17 cittadini belgi e 15 stranieri. Ecco le loro storie

Attentati di Bruxelles: come è scappato l'uomo col cappello - Foto, Video

Forse individuato il terzo terrorista che uscito dall'aeroporto, ha attraversato a piedi Zaventem e si è liberato della giacca chiara: la clip della fuga

Bruxelles: il video dell'arresto di Mohamed Abrini

Attentati di Parigi: tre nuovi sospetti fermati a Bruxelles

Gli arresti sono avvenuti durante una perquisizione in un quartiere residenziale del capoluogo belga

Gli attentati di Bruxelles celebrati dall'Isis sulla rivista Dabiq

L'ultimo numero dell'organo del Califfato racconta gli attacchi nella capitale belga del 22 marzo esaltando i "martiri" che hanno seminato la morte

Commenti