Esteri

Brexit: nessun obbligo di visto per i viaggiatori Ue

Secondo i detrattori, la posizione di Londra impedirà un controllo adeguato dell'immigrazione

Elezioni Regno Unito 2017

Redazione

-

Non ci sarà l'obbligo di un visto per i viaggiatori Ue che arrivano nel Regno Unito dopo la Brexit. E' la linea proposta dal governo britannico secondo la Bbc. Dovranno invece richiedere un permesso quanti vogliono lavorare, studiare o trasferirsi nel Paese.

La posizione di Londra è destinata a suscitare le critiche di chi afferma che in questo modo non si può controllare in modo sicuro l'immigrazione in Gran Bretagna.

Secondo il Times il nuovo sistema di immigrazione per i cittadini Ue prevede un periodo di transizione dopo che il Regno Unito uscirà ufficialmente dall'Ue nel marzo 2019.

Inizialmente, infatti, quanti vengono in Gran Bretagna per lavorare dovranno semplicemente registrarsi presso l'Home Office senza incorrere in forme di restrizioni.

Le tesi "avversarie"

Fra i maggiori critici di quella che sta emergendo come la linea del governo di Londra c'è l'ex leader dell'Ukip, Nigel Farage, secondo cui ancora una volta ci si "inchina" al volere di Bruxelles.

Non la pensa così invece il deputato conservatore, fortemente euroscettico, Andrew Bridgen, secondo cui non avrebbe senso imporre un visto ai viaggiatori europei. "Le stesse restrizioni varrebbero poi per i britannici che visitano il continente - ha detto - vi sembra possibile avere un sistema di visti per fare un fine settimana a Parigi?".

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Brexit, marzo 2019: fine della libera circolazione dei cittadini Ue

Lo ha annunciato Theresa May, smentendo il ministro degli Esteri che, nei giorni scorsi, aveva detto che non ci sarebbe stato alcun cambiamento

Brexit, un anno dopo: chi ci guadagna e chi no

Grandi vantaggi per gli speculatori, mentre i cittadini normali soffrono per una contrazione dei salari che si accompagna a un'impennata dell'inflazione

Il costo della Brexit per l'Europa: 10 miliardi l'anno

È quanto mancherà al bilancio della UE dopo l'uscita del Regno Unito. Quasi pronta la strategia di recupero: nuove entrate e tagli alla spesa

Commenti