Esteri

Brexit: ecco chi sono (o non sono più) i personaggi-chiave

Dai due ministri dimissionari ai rispettivi successori e le altre figure accanto e avverse alle strategie di soft Brexit del primo ministro Theresa May

Boris Johnson e David Davis

Luciano Lombardi

-

DAVID DAVIS

Classe 1948, è stato per due anni - nominato dalla stessa May - ministro per la Brexit ed esponente di punta dell'euroscetticismo. In dissidio crescente con il primo ministro via via che quest'ultima "ammorbidiva" la sua posizione sull'uscita dall'Ue, ha dato le dimissioni.

JEREMY HUNT

Nominato successore di Boris Johnson alla guida del ministero degli Esteri, si è schierato fin da subito contro l'uscita dall'Europa e rappresenta pertanto una figura ideale per sostenere la May nella sua soft Brexit

Hunt, 51 anni, ministro della Sanità da quasi sei e al governo ininterrottamente dal 2010 (era stato in precedenza anche ministro dello Sport e responsabile dell'organizzazione delle olimpiadi di Londra 2012), entra subito in azione e dovrà occuparsi già questa settimana di un evento importante come la visita di lavoro del presidente americano Donald Trump in Gran Bretagna.

BORIS JOHNSON

L'istrionico cinquantaquattrenne politico, giornalista, blogger britannico con cittadinanza statunitense ed ex sindaco di Londra e volto del leave fin dalla prima ora ha lasciato la propra sedia agli Esteri, uno dei ministeri più prestigiosi e influenti di Westminster, dopo l'ennesimo contrasto con la strategia troppo poco incisiva del governo nella trattativa con Bruxelles per il distacco dall'Europa.

DOMINIC RAAB

Quarantaquattrenne, finora viceministro della Giustizia e in passato elemento di punta nel fronte pro-Leave durante la campagna referendaria del 2016, sarà il nuovo ministro della Brexit. Theresa May lo ha scelto, principalmente, per due ragioni: la sua esperienza e competenza nelle politiche economiche internazionali e il suo non essere stato coinvolto nella questione fin dalla prima ora. 

JACOB REES-MOGG

Quarantanove anni, è da sempre uno degli esponenti di punta della fronda più agguerrita degli euroscettici.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Brexit, perché Theresa May adesso potrebbe essere più forte

Anche se rischia la rivolta di una parte del suo partito, il primo ministro compatta il governo e può gestire meglio le trattative per una versione soft dell'uscita dalla Ue

Brexit, il perché delle dimissioni dei ministri Davis e Johnson

Prima l'uno, poi l'altro, mollano in polemica con la linea soft del premier britannico Theresa May. Venti di crisi di governo nell'aria

Brexit: in che modo l'Irlanda del Nord determinerà un’uscita soft per Londra

Il backstop plan, l’accordo doganale temporaneo, potrebbe rimanere in vigore nel tempo. Come auspicano i britannici

Brexit: come e perché potrebbe arrivare lo stop

L’emendamento 49 indebolisce la posizione negoziale britannica e apre la strada a un nuovo refendum

Brexit: ecco perché rappresenta un’opportunità per il crimine

La National Crime Agency fotografa una situazione ad alto rischio per le imprese britanniche

Brexit: dove vuole arrivare il movimento People's Vote

Chiede un voto popolare sull'accordo con la Ue con un obiettivo: unire i gruppi anti-Brexit e far fare un passo indietro al Paese

Brexit, le città preferite da grandi banche e compagnie in fuga da Londra

L'esodo dalla City inglese è iniziato. Ma nella gara tra metropoli dell'Eurozona Milano resta a guardare a favore di Parigi e Francoforte

Ecco come anche la Brexit potrebbe essere stata falsata dai big data

Nell'inchiesta sulla violazione della legge per le donazioni sul divorzio dalla Ue spuntano fondi trasferiti a una società legata a Cambridge Analytica

Commenti