Redazione

-

È stato un missile terra-aria Buk di fabbricazione russa ad abbattere il Boeing della Malaysia Airlines nei cieli dell'Ucraina nel luglio 2014.

La cabina di pilotaggio
Il missile colpì il lato sinistro della cabina di pilotaggio, uccidendo all'istante molte delle 298 persone a bordo mentre le altre andarono incontro al loro destino nel giro di pochi, terribili istanti.

Scontro Kiev-Mosca
Sono le principali conclusioni a cui sono giunti i tecnici olandesi del Dutch Safety Board, l'organismo incaricato delle indagini, in un rapporto che ha infiammato di nuovo lo scontro tra Kiev e Mosca.

Il premier ucraino, Arseniy Yatsenyuk, ha puntato il dito contro gli 007 russi che "avevano l'obiettivo di abbattere un aereo civile".

La Russia: rapporto fazioso
E Mosca ha subito replicato: "E' un ovvio tentativo di arrivare a una conclusione faziosa, e obbedire a ordini politici", ha detto il viceministro degli Esteri, Sergei Ryabkov. Tanto più, ha spiegato la società costruttrice del sistema missilistico Buk, la Almaza-Antey, che il modello di missile 'incriminato' non è più in dotazione alle forze russe da 4 anni.

Un video
Oltre al rapporto scritto, gli investigatori olandesi hanno prodotto un video in cui viene illustrata, passo dopo passo, la dinamica dell'incidente e, ai giornalisti convocati nella base militare olandese di Gilze-Rijen, è stata mostrata la ricostruzione dell'aereo abbattuto, i cui frammenti sono stati montati su un supporto metallico.

L'Ucraina doveva chiudere lo spazio aereo
Il presidente del Dutch Safety Board, Tjibbe Joustra, in una conferenza stampa ha anche criticato Kiev per non aver chiuso lo spazio aereo sulle zone orientali del Paese, teatro dei combattimenti con i ribelli separatisti filo-russi: "Siamo arrivati alla conclusione che c'erano ragioni sufficienti per le autorità ucraine per chiudere lo spazio aereo sulle zone orientali del loro Paese". Tanto più che, come si legge nel documento, quel giorno qualcosa come 160 aerei commerciali di linea volavano nella zona

Sud-est di Grabovo
In base alle simulazioni effettuate dagli inquirenti, il missile fu sparato da un punto imprecisato in un'area di circa 320 chilometri a sudest di Grabovo, zona controllata per lo più dai separatisti filo-russi. L'aereo colpito si spezzò; la cabina di pilotaggio e il pavimento della business class si staccarono dal corpo principale e precipitarono. Il resto continuo' a volare per circa 5 miglia, impattando al suolo dopo 90 secondi. I frammenti si dispersero per oltre 50 chilometri quadrati.

Non è, invece, chiaro se alcuni passeggeri possano essersi resi conto di quanto accadeva: "L'impatto - si legge nel rapporto - fu completamente inatteso, il che significa che le persone a stento realizzarono la situazione in cui si trovavano. Non vi fu quasi tempo per una risposta cosciente. Gli occupanti furono esposti a fattori estremi quasi immediatamente". Tuttavia "a seconda della posizione nel velivolo, i fattori non furono gli stessi" per tutti.
Alcuni "riportarono immediatamente ferite gravi" come conseguenza dell'impatto del missile che "probabilmente condussero alla morte".
Per gli altri, l'esposizione a fattori come le temperature gelide e la mancanza di ossigeno, "ridusse la consapevolezza o la coscienza nel giro di istanti". Se gli inquirenti olandesi non puntano direttamente e apertamente il dito contro Mosca, Kiev è certa della sua responsabilità.

I servizi russi, secondo l'Ucraina
"Personalmente non ho dubbi che questa è stata un'operazione dei servizi russi che aveva l'obiettivo di abbattere un aereo civile", ha dichiarato il premier ucraino, Arseniy Yatsenyuk, nel corso di una riunione di gabinetto trasmessa in diretta tv. "Siamo certi", ha aggiunto Yatseniuk, "che questa operazione e' stata condotta da un territorio che era sotto il controllo esclusivo dei combattenti russi e al tempo stesso non c'e' dubbio che ubriaconi separatisti non sanno usare i sistemi missilistici Buk".
"Questo significa che quei sistemi sono stati operati da personale russo addestrato", ha insistito.

Inchiesta penale
Il presidente ucraino, Petro Poroshenko, in una telefonata al premier olandese, Mark Rutte, ha auspicato che una separata inchiesta penale condotta congiuntamente da Ucraina, Olanda, Australia, Malaysia e Belgio possa permettere "l'incriminazione dei responsabili di questo terribile crimine" davanti a un tribunale internazionale. La priorita' ora e' "trovare e processare i responsabili", ha sottolineato Rutte, chiedendo alla Russia piena collaborazione. Anche gli Usa hanno accolto con favore le conclusioni dell'inchiesta, definendola "un'importante pietra miliare". Quanto alle autorita' della Malaysia, hanno assicurato che continueranno la caccia dei "criminali dal grilletto facile".

Non è più in dotazione dell'esercito russo
Dalla Russia è stata soprattutto la società produttrice del sistema missilistico Buk a parlare. La Almaza-Antey - che ha effettuato due diversi test di simulazione dell'incidente - ha presentato oggi i risultati della sua 'contro-inchiesta' sull'incidente che, secondo l'ad della compagnia, Yan Novikov, "smentiscono totalmente" le conclusioni della Commissione olandese.

La compagnia ha spiegato che il missile che potrebbe aver colpito il Boeing malese, il 9M38, è stato prodotto solo fino al 1986 e non è più in dotazione all'esercito russo dal 2011, mentre sarebbe ancora in uso alle forze ucraine.

Scheda: il Buk
Il 'Buk' (in russo 'spiaggia'), è un sistema di missili terra-aria sviluppato dall'Unione Sovietica e, più tardi, dalla Russia.

La fabbricazione fu avviata nel 1972 su richiesta del Comitato Centrale del Partito Comunista e divenne pienamente operativo nel 1980. Il sistema mobile e a medio raggio e' in grado di sparare un missile da 700 chilogrammi la cui testata esplode in stretta prossimita' dell'obiettivo, distruggendolo con frammenti ad alta velocità.

Il sistema, più volte ammodernato, è stato esportato in diversi Paesi, inclusi Corea del Nord e Siria. Secondo l'indagine olandese, a colpire l'aereo malese nei cieli dell'Ucraina potrebbe essere stata una testata 9N314M caricata su un missile di tipo 9M38 lanciato da un sistema missilistico Buk.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tragedia volo Malaysia: un anno dopo un video accusa i separatisti ucraini

Mentre si commemorano le 298 vittime, un quotidiano australiano mostra le immagini dei ribelli sul luogo del disastro, convinti di aver abbattuto un volo militare

L'aereo della Malaysia Airlines è caduto nell'oceano Indiano

Poco fa la conferma del governo: "Non ci sono superstiti". Sconosciute le cause. I parenti delle vittime avvisati con un sms

“Aereo non trovato”: la Malaysia Airlines nel mirino degli hacker

Nella notte un nuovo gruppo di pirati ha modificato la homepage della compagnia inneggiando all’Isis e irridendo le 537 vittime delle tragedie aeree

Aereo Malaysia scomparso, giallo sugli altri resti trovati

Il pezzo di ala emerso sulle isole Réunion appartiene al volo MH370. Ma gli ultimi frammenti recuperati non sembrano avere la stessa origine

Commenti