Redazione

-

Decine di migliaia di cittadini del piccolo regno himalayano del Bhutan si sono riuniti all'inizio di questo mese per dare il benvenuto al principe primogenito con simboli buddhisti, piantando 108.000 alberi, ognuno sigillato con una preghiera per l'erede al trono.

Il premier Tshering Tobgay, tre dei suoi ministri e il leader dell'opposizione sono stati tra i 100.000 volontari che hanno piantato gli alberi in tutto il Paese il 6 marzo scorso, circa un mese dopo che re Khesar e la regina Jetsun hanno annunciato la nascita del loro primo figlio, venuto al mondo il 5 febbraio.

"Nel buddhismo, l'albero rappresenta la nutrice di ogni forma di vita e simboleggia longevità, salute, bellezza e anche la compassione", ha detto Tenzin Lekphell, che ha coordinato l'iniziativa chiamata Tendrel, nella lingua locale. "Non è un caso che il Buddha abbia avuto l'illuminazione sotto un albero di banyan", ha aggiunto.

Il numero degli alberi piantati è esattamente 108.000 in quanto il numero "108" è sacro nel buddhismo: denota la pulizia di 108 contaminazioni che impediscono agli uomini di raggiungere l'illuminazione.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La presentazione del royal baby del Bhutan è una grande festa

Il re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck e la regina Jetsun Pema hanno mostrato al popolo il piccolo principe Gyalsey

Impresa storica del Bhutan, la nazionale meno forte del mondo

Da sempre ultima nel ranking Fifa, la rappresentativa himalayana elimina lo Sri Lanka nel primo turno di qualificazione a Russia 2018

Royal Baby: William e Kate presentano la principessa

E' nata la seconda figlia dei Duchi di Cambridge ed è già a casa a Kensington Palace

Commenti