Bernie Sanders non vuole (ancora) ritirarsi

L'ex first lady invita lo sfidante a fare un passo indietro e spera nell'endorsement di Obama. Il senatore attende però il responso della California

Primarie USA Democratici, Bernie Sanders in Oregon

10 maggio 2016. Il candidato democratico Bernie Sanders parla alla folla di sostenitori riunitisi per ascoltarlo a Salem, in Oregon. – Credits: ROB KERR/AFP/Getty Images

Dopo aver quasi raggiunto il numero di delegati sufficienti per  la nomination alla Casa Bianca, Hillary Clinton ha lanciato al suo sfidante, Bernie Sanders, un accorato appello affinché si ritiri dalla corsa prima delle primarie in California aiutandola a ricucire il partito in vista della campagna presidenziale. «Sono passati esattamente otto anni dal giorno in cui mi ritirai dalla corsa e decisi di sostenere l'allora senatore Barack Obama nella sua corsa verso la Casa Bianca. Credo fosse la cosa giusta da fare. Le nostre piccola differenze interne non contavano più. Contavano solo le differenze con i repubblicani» ha dichiarato l'ex First Lady ai giornalisti durante un meeeting elettorale a Los Angeles, sottolineando  l'esigenza di unificare il partito in vista dello scontro contro Trump.

Finora Bernie Sanders non ha risposto. Anzi. Durante una manifestazione elettorale a San Francisco, in vista delle primarie odierne in California, il senatore del Vermont ha risposto piccato a una giornalista che gli ha chiesto se il suo rifiuto a fare un passo indietro non fosse «un comportamento sessista» nei confronti dell'ex segretario di Stato.

«È una domanda seria? La sua domanda implica che qualsiasi donna in corsa per la casa Bianca è per definizione il miglior candidato possibile. Non penso sia sessismo. Penso semplicemente di essere il candidato più forte per battere Trump».

Elezioni americane: ora Bernie Sanders deve scegliere
Mi state chiedendo di fare delle semplici speculazioni sul ritiro. Rivediamoci dopo le primarie in California che spero ancora di vincere Bernie Sanders


Quando ci sono ancora palio 700 delegati, assegnati nelle primarie della California, del New Jersey, del Montana, del North Dakota e del New Mexico in programma oggi, Sanders ritiene prematuro discutere di un suo eventuale ritiro nonostante sia ormai matematicamente fuori dalla corsa. L'unica concessione che ha fatto a Hillary Clinton e al Partito democratico è che attenderà i risultati ufficiali dei cinque Stati ancora mancanti. «Mi state chiedendo di fare delle semplici speculazioni. Rivediamoci dopo le primarie in California che spero ancora di vincere» ha risposto  durante la conferenza stampa. La linea ufficiale di Sanders, anche per non smobilizzare i militanti in vista delle primarie californiane, è che prenderà una decisione soltanto il 14 giugno, la data in cui gli elettori democratici voteranno nelle primarie di Washington DC, chiudendo la lunga stagione delle primarie prima della Convention finale del 25-28 luglio a Philadelfia.

Dopo le ultime vittorie nelle Virgin Island e a Puerto Rico, Hillary dovrebbe essere comunque ormai a un passo dalla vittoria ufficiale. Le mancherebbero, secondo Ap, soltanto trenta delegati per avere la matematica certezza della nomination. Se si sommano ai 1812 delegati elettivi già conquistati da Hillary (contro i 1521 di Sanders) i superdelegati (alti papaveri del partito, governatori ed ex presidenti) considerati a lei vicini, la vittoria è davvero poco più di una formalità.

La speranza di Sanders non è rovesciare il responso delle urne. La sua speranza è quella di ottenere una vittoria larga in California per convincere il maggior numero di delegati a cambiare sponda, forte dei sondaggi che lo ritengono più attrezzato e popolare di Hillary in un ipotetico confronto con Trump che, senza Sanders, può raccontare facilmente agli americani che la scelta vera è tra l'establishment di Washington rappresentato dall'ex First Lady e la sua proposta di radicale cambiamento politico.




Schermata 2016-06-07 a 11.51.22

Proiezioni elettorali: il confronto tra Trump e Clinton – Credits: Realpolitics

È chiaro però che, qualora Bernie Sanders non ottenesse una vittoria in California, dove i sondaggi danno oggi una sostanziale parità, dovrà prendere una decisione. Se lo aspettano anche molti dei suoi elettori. A chiedere definitivamente i giochi, se le ultime primarie producessero un impensabile cataclisma e The Nice Guy (Sanders) vincesse a valanga in California e nel New Jersey, ci penserà l'endorsement definitivo di Barack Obama, rimasto per ora dietro le quinte come si confà a tutti i presidenti in carica. Hillary ci spera. I vertici del partito anche. È, secondo la stampa americana, solo questione di pochi giorni.

Schermata 2016-06-07 a 12.00.29

Il confronto nazionale Sanders-Trump secondo i sondaggi – Credits: Realpolitics.com

© Riproduzione Riservata

Commenti