Esteri

Barcellona ricorda le sue vittime

In una Sagrada Familia blindata, più di 1.200 persone hanno preso parte alla messa di commemorazione

Commemorazione vittime attentato Barcellona

Hanno risposto in oltre mille e duecento, partecipando alla messa solenne per la pace e contro il terrore. Una messa blindata viste le circostanze, ma aperta a tutti. E sotto le note del bellissimo Da Pacem Domine di Arvo Part, le volte interminabili e floreali della Basilica della Sagrada Familia erano ancora più magiche.

La luce - rossa, gialla o anche azzurra - filtrando attraverso le grandi vetrate colorate si mescolava a quella più puntuale dei faretti interni, valorizzando gli elementi portanti di lontana ispirazione gotica. La
Sagrada Familia di Barcellona, primo obiettivo dei terroristi islamici della Rambla, è sempre in piedi, più forte che mai.

Il capolavoro incompiuto di Antoni Gaudì, il maestro dell'architettura moderna catalana, lo ha confermato oggi, ospitando la grande messa di risposta al terrorismo, alla presenza di tutte le autorità del paese e di centinaia di persone tra fedeli ed amici della città.

 

L'arcivescovo di Barcellona, il cardinale Joan Josep Omella, ha celebrato, in omaggio alle vittime degli attacchi alla Rambla e a Cambrils, una "Eucaristia per la pace e la concordia". Presenti anche i rappresentanti delle comunità musulmane, oltre a Felipe VI e la regina Letizia, il premier Mariano Rajoy, il presidente catalano Carles Puidgemont, la sindaca di Barcellona Ada Colau e la sua collega di Madrid Manuela Carmena.

In apertura della cerimonia, durate circa un'ora e venti minuti, il vescovo ausiliare di Barcellona, Sebastià Taltavull, ha ricordato che queste sono "giornate di lacrime, di molte lacrime, ma soprattutto di grande umanità", visto "il grande sforzo di solidarietà dei cittadini che ha trasformato in una nuova situazione di pace il rifiuto della violenza e del terrore".

Nella sua omelia, Omella ha detto che a Barcellona si appoggia ora "un nuovo stile di convivenza, nel rispetto dei diritti umani, superando le differenze e le esclusioni. Abbiamo dimostrato di essere un popolo che non ha paura. L'unione ci rende forti, le divisioni ci distruggono".

La messa e i canti erano in catalano, l'omelia e i commenti in spagnolo, nel tentativo di trovare un equilibrio tra le due lingue, evitando di alimentare ancora una volta le tensioni tra governo centrale e autonomisti della Catalogna, mentre si avvicina la data dell'annunciato referendum sull'indipendenza giudicato illegale da Madrid come sancito dalla Costituzione in vigore. Tensioni sempre presenti, ma che le rispettive autorità hanno tentato di ridurre al minimo dopo gli attacchi jihadisti.

La
Sagrada Familia è molto ben protetta da una pesante grata metallica che la circonda. Se, come pare fosse nei loro piani, gli attentatori della Rambla fossero riusciti a lanciare un Tir pieno di bombole contenenti esplosivo, i danni sarebbero stati certamente ingenti e il numero delle vittime molto elevato, ma far crollar la basilica sembra davvero una missione impossibile.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Attentati a Barcellona e Cambrils: chi sono le vittime

Sale a 16 il numero dei morti, il più piccolo ha solo 3 anni. Hanno perso la vita anche 2 italiani e un'italoargentina. L'ultima, una donna tedesca

Barcellona, attentato terrorista sulla Rambla - FOTO e VIDEO

L'Isis rivendica l'attacco. 14 morti e oltre 100 feriti

Barcellona, chi sono gli autori dell'attacco terroristico

Ucciso Younes Abouyaaqoub, l'autista del furgone sulla Rambla. Ecco i terroristi che formavano la cellula degli attacchi in Catalogna

Attentato di Barcellona: chi erano Bruno Gulotta e Luca Russo, le vittime italiane

35 anni e padre di due figli il primo, era in vacanza con la famiglia. Giovane ingegnere di 25 anni l'altro, era sulla Rambla con la fidanzata

Attentato a Barcellona, ancora per quanto l'Italia è al sicuro?

Fattori storici, strategici, geografici e anche "d'immagine" ci hanno tenuto finora al riparo dal terrorismo

Strage di Barcellona, il cordoglio corre sui social network

Il mondo intero si stringe intorno alla città catalana colpita al cuore dal terrorismo

Perché la Spagna? E perché proprio Barcellona?

Una delle più celebri strade del mondo, la "strada globale" per eccellenza, in Europa: bersaglio perfetto per colpire tutto l'Occidente

Barcellona, chi c'è dietro l'attentato

Dietro l'attacco rivendicato dallo Stato Islamico, numerosi movimenti radicali molto attivi in Spagna

Commenti