Il vulcano Agung, sull'omonimo monte dell'isola di Bali, mette paura. 

Agung sta eruttando nubi di ceneri bianche e grigie alte fino a 9.000 metri, mentre la lava si sta accumulando nel suo cratere. È presente il rischio di un'eruzione violenta, tanto che quasi 100.000 persone hanno già lasciato l'area circostante e le autorità vogliono convincere tutti gli abitati dei 22 villaggi coinvolti a lasciare la zona.

La zona a rischio è stata portata da 7,5 a 10 km di raggio attorno al vulcano Agung. Gli aeroporti dell'isola indonesiana sono stati chiusi, lasciando a terra migliaia di turisti.

Le esplosioni possono essere avvertite fino a 12 km di distanza. Torrenti di acqua e detriti stanno scendendo dalle pendici, alimentati dalla stagione delle piogge in corso. 

Si tratta della prima eruzione magmatica del vulcano dal 1963, quando esplosioni si sono ripetute per quasi un anno e hanno ucciso più di 1.100 persone. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Clima: negli anni '80 un cambiamento repentino dovuto a un vulcano

Secondo un nuovo studio, l'eruzione di El Chichón avrebbe potenziato gli effetti del riscaldamento antropogenico

Messico, l'eruzione del Vulcano del Fuoco

Lava, lapilli e grandi nubi di cenere: foto dal risvegliato Volcán de Fuego de Colima, il più attivo del Paese

L'eruzione del vulcano Sinabung

Sono almeno 10 mila i cittadini indonesiani costretti a lasciare le proprie abitazioni nella zona in cui da giorni si è risvegliata la montagna di fuoco

Giappone, la spettacolare eruzione del vulcano Shindake - Foto

È cominciata stamattina, annunciata da un'esplosione, l'eruzione sull'isola di Kuchinoerabu

Commenti