Esteri

Attentati Isis: la minaccia tra Natale e Capodanno

Il ministro degli esteri Gentiloni: "Proveranno a colpire ancora". Ma esibiscono forza "in un momento di debolezza"

isis

Redazione

-

Un allarme attentati in tutte le capitali europee tra Natale e Capodanno arriva dall'Austria nel giorno in cui il capo dell'Isis torna a far sentire la sua voce. Abu Bakr al Baghdadi assicura che che il suo Califfato non ha subito conseguenze dai raid aerei della Coalizione internazionale (17 in due giorni). E minaccia anche Israele.

"Sappiamo bene che proveranno a colpire ancora, lavoriamo per la sicurezza senza lasciarci fuorviare" ha dichiarato in un'intervista a Repubblica il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, sottolineando che contro i terroristi islamici di Daesh "la reazione internazionale è sempre piu' efficace".

Forti ora che sono deboli

Il comunicato di Al Baghdadi, spiega, "vuole esibire forza in un momento che invece è di vera difficoltà militare". E quanto agli allarmi della polizia austriaca che parla di persone che sono state segnalate, dice: "Non trasformerei questo in nulla di più o di meno rispetto allo scenario in cui siamo da mesi: nulla di più perchè non ci sono informazioni precise su luoghi, date, dettagli particolari. Nulla di meno perchè in Italia, come in Europa, tutti abbiamo ben chiaro quello che Daesh e i suoi accoliti hanno compiuto e possono compiere".

La minaccia di Al Baghdadi a Israele

Il capo della polizia di Vienna ha parlato di un alto rischio di attentati durante le feste che potrebbero essere compiuti con "bombe o armi". Parole che si incrociano con quelle pronunciate da Al Baghdadi, che in un messaggio video ha detto: "Siate fiduciosi che Dio garantirà la vittoria a coloro che lo adorano, e ascoltate la buona notizia che il nostro Stato è forte. Più si intensifica la guerra contro di esso, più si fa puro e forte".

Al Baghdadi, più volte dato per morto o ferito in notizie circolate nell'ultimo anno e sempre smentite, passa poi a minacciare Israele. "La Palestina - afferma - non sarà la vostra terra nè la vostra casa ma il vostro cimitero. Allah vi ha raccolto in Palestina perchè i musulmani vi uccidano''.

Il Califfo se la prende infine con l'Arabia Saudita, che recentemente ha dato vita a una coalizione di Paesi islamici contro il terrorismo. "Se fosse una coalizione islamica - dice Al Baghdadi - si sarebbe dichiarata libera dai suoi padroni ebrei e crociati e avrebbe fatto dell'uccisione degli ebrei e della liberazione della Palestina il suo obiettivo".

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti