Redazione

-

I famigliari e gli amici delle vittime dei due attentati, rivendicati dall'Isis, che in Egitto hanno insanguinato la Domenica delle Palme hanno dato ieri l'ultimo saluto ai propri cari. Nessun rappresentante politico ha preso parte alle esequie. Intanto nel Paese è entrato in vigore uno stato d'emergenza di tre mesi, proclamato a seguito degli attacchi terroristici.

Il bilancio dei morti, non ancora definitivo, è salito oggi a 46. Il vicecapo del Dipartimento della Sanità nel Governatorato di Gharbiya, Mohamed Sharshar, ha confermato infatti stamane la morte di un'altra delle persone rimaste ferite a Tanta. Sono invece più di 130 i feriti

I funerali delle 17 persone uccise nella cattedrale copta di San Marco di Alessandria d'Egitto - tra cui 10 musulmani: sette poliziotti di guardia all'edificio e tre civili di passaggio - si sono svolti presso il monastero di Santa Mina della stessa città, alla presenza di una piccola folla composta da popolazione locale, radunatasi all'esterno dell'edificio. 

Le esequie delle 29 vittime della prima bomba, fatta esplodere nella cattedrale copta di San Giorgio a Tanta, sul delta del Nilo, si sono svolte all'alba nella stessa chiesa colpita dal kamikaze.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Egitto: gli attentati contro i copti e l’avanzata dell'Isis

I recenti attacchi confermano l’incapacità di Al Sisi di contenere l’espansione del Califfato. E ora si teme per l’arrivo di Papa Francesco

Egitto: l'attacco dell'Isis contro i cristiani

Due gravi attentanti a nord del Cairo e ad Alessandria insanguinano la Domenica delle Palme dei copti: almeno 45 le vittime. Rivendica lo Stato Islamico. Il presidente al Sisi proclama lo stato d'emergenza

Papa Francesco in Egitto: il programma della visita e il messaggio di pace

Bergoglio il 28 e il 29 aprile in un viaggio pastorale tra i più difficili e delicati. Ecco i significati reconditi e le attese

I copti in Egitto: le violenze dei musulmani

Nuovi attacchi alla comunità cristiana egiziana. Si discute una legge per regolamentare la costruzione e la ristrutturazione delle chiese

Commenti