Scotland Yard ha reso noto il nome e una foto dell'attentatore di Westminster: Khalid Massood, 52 anni, nato nel Kent. L'autore dell'attacco è stato ucciso dagli agenti dopo aver a sua volta eliminato 5 persone. Di carnagione scura, calvo e con la barba, come era apparso nelle immagini riprese durante i concitati secondi dell'attacco a Westminster quando alcuni agenti armati lo avevano ferito a morte dopo la sua aggressione all'agente Keith Palmer, deceduto poco dopo. L'immagine è molto probabilmente ricavata dalla fototessera di qualche documento di Masood.

- LEGGI ANCHE: Londra, la cronaca dell'attentato, le Foto e i Video
- LEGGI ANCHE: Londra, chi sono le vittime dell'attacco a Westminster
- LEGGI ANCHE: Terrorismo: gli ultimi attentati in Europa - FOTO e VIDEO

Non era mai stato condannato per terrorismo, ma era noto alle forze dell'ordine per atti di criminalità come possesso di armi, lesioni aggravate e disturbo della quiete pubblica. La prima condanna nel 1983 per danni, l'ultima nel 2003 per il possesso di un coltello. I suoi vicini lo chiamavano "il vampiro", perchè (riposta la BBC) amava uscire di notte vestito di nero.

Era anche già conosciuto dai servizi segreti britanni, l'MI5, ma era considerato un elemento marginale.

Le identità
Masood, 52 anni, era conosciuto sotto diversi altri nomi fittizi. Secondo la polizia risiedeva nella contea di West Midlands, che include la città di Birmingham, dove la notte di mercoledì sono stati effettuate perquisizioni e fermi da parte delle forze dell'ordine.

La Bbc ha appreso che il terrorista è stato ucciso da una guardia del corpo del ministro della Difesa.

Le voci e poi la conferma
Il premier britannico Theresa May aveva confermato da subito che l'attacco "è sicuramente di matrice islamica e ispirato da ideologia islamica".

Alcuni media israeliani, tra cui il Jerusalem Post e la rete Channel 4, avevano riferito, citando fonti non ufficiali, che il killer poteva essere un cittadino britannico: Trevor Brooks, 42 anni, residente nel sobborgo londinese di Hackney, nato da una famiglia di origine giamaicane e convertitosi all'Islam con il nome Abu Izzadeen, nel 1975.

Ma la notizia era stata poi smentita. A riferirlo è la stessa Channel 4 che attesta come l'uomo, sentito l'avvocato e il fratello, sarebbe tuttora in prigione. r
 
L'identikit del sospettato
La rete britanica Sky News aveva pubblicato sul suo sito la prima foto dell'autore dell'attacco al Parlamento. Si vedeva un uomo di corporatura robusta, dalla carnagione scura, con il capo rasato quasi a zero e una barba, senza baffi, ma folta in particolare sul mento.

Nell'immagine l'uomo è riverso su una barella, intubato, con i paramedici che tentano di soccorrerlo. Vicino al copro il lungo coltello da cucina con cui ha accoltellato l'agente che è poi deceduto per le ferite riportate. L'uomo guidava un Suv Hyundai quattro ruote motrici.

Secondo alcuni testimoni due poliziotti hanno provato a fermarlo: "uno dei due è caduto per terra, mentre l'assalitore muoveva il braccio come se lo stesse accoltellando o colpendo".
L'altro agente, continuano, "è scappato a chiedere aiuto, mentre l'assalitore ha proseguito la sua corsa verso l'entrata del Parlamento".

A quel punto, "due uomini in borghese armati di pistola gli hanno prima intimato di fermarsi poi gli hanno sparato due o tre colpi e lui è caduto a terra".

© Riproduzione Riservata

Commenti