Arabia Saudita, ecco la prima giornalista senza velo

Per la prima volta una donna ha letto le notizie in televisione senza coprirsi il capo, scatenando le polemiche nel regno saudita

Arabia Saudita. Ecco la prima giornalista senza velo – Credits: Youtube

Matteo Colombo

-

I telespettatori sauditi hanno forse dovuto controllare di essere sintonizzati sul canale giusto prima di accorgersi che stavano davvero guardando la televisione di Stato. Per la prima volta su una canale pubblico una giornalista ha letto le notizie senza indossare l’hijab. È una grande novità per i media del regno saudita, da sempre molto attenti a rispettare i dettami religiosi wahabiti, che raccomandano alle ragazze di coprire i capelli e, in alcuni casi, anche alcune parti del volto.

 

Nonostante sia la prima volta che una giornalista decide di non coprirsi i capelli, non è raro che delle donne appaiano in televisione senza il velo nei programmi di intrattenimento delle emittenti private saudite. Una consuetudine che però non aveva mai oltrepassato i confini della televisione pubblica. Anche per questo motivo, ci sono state diverse proteste nei confronti del canale “Elekhbariya” (le notizie), tanto che Saleh Al Mughailif,  portavoce di questo gruppo, ha dovuto specificare che “il collegamento è stato fatto dall’estero” e che “non saranno tollerate altre trasgressioni ai valori del Paese”.

Questa dichiarazione non è servita a far cambiare idea alla giornalista, che ha letto le notizie senza indossare l’hijab anche nella giornata successiva alla dichiarazione dell’emittente.  Una sfida alle tradizioni che ha aperto un dibattito in questo Paese, dove i cittadini si sono divisi tra i conservatori che hanno protestato contro la tv di Stato e i liberali, favorevoli alla libertà personale delle donne di scegliere come vestirsi. 

© Riproduzione Riservata

Commenti