Amina Sbui, colpevole di essere libera

La giovane, accusata di oltraggio alla pubblica morale per aver mostrato i seni nudi sul proprio profilo facebook, è accusata ora dai giudici tunisini di nuovi reati

La foto a seni nudi di Amina Sbui

Amina Sbui, la giovane tunisina finita nell'occhio del ciclone da quando ha postato sul proprio profilo facebook i seni nudi su cui compariva la scritta Il mio corpo è mio, ha dovuto oggi rispondere alle nuove accuse che le hanno mosso i giudici. La diciannovenne tunisina, in carcere dal 19 maggio per aver scritto Femen, il gruppo femminista cui appartiene, sulla tomba di un cimitero di Qairauán, è comparsa oggi al tribunale di M'saken,  a circa 140 km da Tunisi. La accusano questa volta di aver aggredito un agente di polizia e di aver oltraggiato la morale pubblica, delitti che in Tunisia comportano fino a un anno e mezzo di carcere.

 

Continua a leggere su El Paìs

© Riproduzione Riservata

Commenti