Una vera arrampicata. Corde, moschettoni, caschi. Ecco le immagini del lavoro svolto dai membri della gendarmeria francese nel luogo dello schianto del volo Germanwings che ha causato la morte di 150 persone. "Stiamo facendo di tutto per
restituire i corpi delle vittime alle famiglie il più presto possibile" ha detto un responsabile nel corso di una conferenza stampa nella zona della strage.

Il responsabile ha parlato di "condizioni particolarmente difficili", visto il rilievo scosceso della zona in cui si è schiantato l'aeroplano. "Tradizionalmente, nelle catastrofi, il 90% dei riconoscimenti si fa attraverso i denti delle vittime. Il dna è comunque l'elemento determinante per procedere alle identificazioni. Verrà comparato con quello dei famigliari delle vittime". Ma i soccorritori, ha continuato, si basano anche su altri elementi ritrovati sul posto, come i documenti di identità, gli orologi e i gioielli. "Si lavora senza sosta dalle 8 del mattino alle 18:30", ha detto ancora la fonte, spiegando che i soccorritori hanno ridotto al minimo le pause di lavoro, ma sempre nel rispetto delle norme di sicurezza.

LEGGI ANCHE: Cosa è successo davvero sull'Airbus Germanwings

LEGGI ANCHE: Andreas Lubitz era depresso

LEGGI ANCHE: La storia delle vittime

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Airbus Germanwings: la ricostruzione minuto per minuto dello schianto

Airbus Germanwings: la tecnologia che lo ha fatto precipitare

Andreas Lubitz avrebbe azionato i comandi per la perdita di quota del volo 9525 causando l'impatto mortale: prima la decompressione, poi lo stallo

Airbus Germanwings: cosa hanno trovato in casa Lubitz

Il copilota avrebbe dovuto essere in malattia il giorno dello schianto. Lo conferma la procura di Dusseldorf che ha trovato il certificato medico

Airbus Germanwings: Lubitz temeva la cecità

Prima del volo del 24 marzo, il copilota aveva consultato sette dottori. Alcuni lo ritenevano inadatto a volare. Lo ha rivelato il procuratore di Marsiglia

Airbus Germanwings: Lubitz malato di "vuoto"?

Uno psicologo spiega che il pilota poteva essere affetto da sofferenze "subcliniche", che potrebbero averlo spinto a compiere il drammatico gesto

Commenti