Redazione

-

È scattata in Afghanistan la controffensiva per riprendere Kunduz, ricaduta il 28 settembre nelle mani dei talebani, dei quali era stata la roccaforte fino al 2001. La città settentrionale, crocevia strategico di traffici e commerci, è con i suoi 300.000 abitanti il quinto centro urbano più importante del Paese. 

Il governo afghano ha ammassato ingenti forze militari alle porte della città e ha cominciato ieri il contrattacco, con l'assistenza aerea della missione NATO Resolute Support. Tre i raid delle forze speciali della Coalizione: uno alla periferia di Kunduz e due nei pressi dell'aeroporto, roccaforte dell'esercito, attaccato da un folto gruppo di talebani che è stato respinto dalle forze di sicurezza afghane e da due bombardamenti USA. Secondo i servizi afghani, i ribelli uccisi sono 17. Tra le vittime anche un pakistano, appartenente presumibilmente al gruppo terroristico attivo in Asia, Lashkar-e-Taiba (Esercito del Bene). 

LEGGI ANCHEAfghanistan, la battaglia per Kunduz e la risposta di Obama ai talebani

Lo ha chiarito lo stesso presidente afghano Ashraf Ghani durante una conferenza stampa a Kabul, rendendo noto che i militari "stanno avanzando verso le aree sotto controllo dei talebani" e chiedendo allo stesso tempo "alle forze di sicurezza di considerare i civili come loro priorità". Ghani avrebbe dovuto celebrare ieri il primo anniversario del suo insediamento, ma per la crisi a Kunduz ogni cerimonia è stata annullata. Il premier Abdullah Abdullah ha cancellato i suoi impegni a New York, dove si trovava per partecipare all'Assemblea generale dell'ONU, ed è rientrato in patria.

L'offensiva in atto è basata solo sulla forza, avvertono gli esperti, e potrebbe essere catastrofica in termini di vittime civili. Con il loro attacco, che ha incontrato poca resistenza da parte degli uomini della sicurezza, gli insorti hanno conquistato tutti gli edifici del potere di Kunduz, l'ospedale e la prigione, da cui hanno liberato 400 detenuti, dei quali oltre 100 loro militanti. 

Frammentarie testimonianze dalla città chiusa ai media parlano di checkpoint, fabbricati e uffici, soprattutto utilizzati da stranieri, dati alle fiamme, di negozi saccheggiati e di sporadici scontri a colpi d'arma da fuoco nelle zone di periferia.

Il leader dei talebani, Mullah Akhtar Mansur, ha firmato un comunicato in cui ha salutato la conquista della "prima capitale provinciale nelle mani dei mujaheddin". Raccomandando di "salvaguardare vite, proprietà e onore degli abitanti", ha proposto ai dipendenti del governo di pentirsi, e chiesto a Kabul di "ammettere la sconfitta" e "accettare la vittoria dei mujaheddin come un'amara realtà".

La prima risposta ricevuta dagli insorti è stata però un bombardamento aereo USA sulle loro posizioni nella provincia di Kunduz. Il portavoce del contingente americano in Afghanistan, Brian Tribus, ha parlato di un'operazione "per eliminare una minaccia alle forze afghane e della Coalizione nell'area".

Testimoni hanno riferito all'ANSA di aver visto contingenti di militari giungere a Kunduz da Kabul e dalla provincia di Balkh. Ma i movimenti militari, invece di rassicurare, sembrano agitare la popolazione civile. Le tv riferiscono che moltissime famiglie sono in fuga dalla città verso le province di Takhar e Baghlan, e verso altre zone più sicure. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Afghanistan, la battaglia per Kunduz e la risposta di Obama ai talebani

Ripensare il disimpegno dopo la nuova offensiva taliban. Il Pentagono era sempre stato scettico sul ritiro affrettato delle truppe. Forse a ragione

Afghanistan: prove di dialogo tra il governo e i talebani

La nuova leadership talebana apre ad accordi con il governo afghano. Possibilità reale o fumo negli occhi?

Il numero dei morti in Afghanistan

Secondo l'ultimo rapporto Onu sono 1592 i civili uccisi nei primi sei mesi del 2015: 2/3 dei morti sono da attribuire a talebani e forze antigovernative

L’eredità del Mullah Omar e il futuro dell’Afghanistan

La morte del leader dei talebani innesca interrogativi su almeno tre scenari: i negoziati di pace, la leadership del movimento e il ruolo dell'Isis

Commenti