Chi sono le 11 donne manager delle aziende pubbliche
DANIELE SCUDIERI / Imagoeconomica
Chi sono le 11 donne manager delle aziende pubbliche
Economia

Chi sono le 11 donne manager delle aziende pubbliche

Non solo Marcegaglia, Todini e Grieco: ecco tutte le "quote rosa" nelle società pubbliche

Undici donne nei cda delle grandi società partecipate del Tesoro. Ecco di seguito chi sono e i profili delle quattro donne proposte per i vertici di Eni, Enel, Poste e Terna (in questo caso le nomine spettano al cda di Cdp, ma il nome che potrebbe essere indicato e' appunto quello di una donna, Catia Bastioli).

- ENEL: Patrizia Grieco presidente e Paola Giardinio membro del cda.
PATRIZIA GRIECO è dal 2013 presidente esecutivo di Olivetti, dove e' arrivata nel 2008 prima come amministratore delegato, poi diventando anche presidente e mantenendo entrambe le cariche fino al marzo 2013. Milanese, classe 1952, laureata in Legge alla Statale, Grieco inizia la carriera nel 1977 presso la direzione Legale e affari generali di Italtel, diventandone responsabile nel 1994. Nel 1999 diventa Direttore Generale di Italtel con il compito di riorganizzare e riposizionare l'azienda, di cui diventa a.d. nel 2002. Da settembre 2003 a gennaio 2006 ricopre il ruolo di a.d. di Siemens Informatica. Da febbraio 2006 diventa Partner di Value Partners e a.d. del Gruppo Value Team. Siede nei consigli di amministrazione di Fiat Industrial e Italgas, ma anche dell'associazione umanitaria Save the Children.

- ENI: Emma Marcegaglia presidente; Diva Moriani in cda; Paola Camagni e Stefania Bettoni nel collegio sindacale.
EMMA MARCEGAGLIA - Prima presidente donna di Confindustria, Marcegaglia è nata a Mantova nel 1965 ed è secondogenita di Steno Marcegaglia, fondatore dell'azienda Marcegaglia, società attiva nella lavorazione dell'acciaio. Nell'azienda di famiglia ricopre la carica di consigliere e a.d. insieme con il fratello Antonio. In Confindustria è stata prima vice presidente con delega per l'Europa; dal 1996 al 2000 presidente dei giovani imprenditori; dal 2000 al 2002 vicepresidente sotto la presidenza di Antonio D'Amato, dal 2004 vicepresidente con Luca Cordero di Montezemolo; presidente dal 2008 al 2012. Presidente dell'universita' Luiss per il triennio 2010-2013, dal 2013 è presidente di BusinessEurope, associazione delle Confindustrie europee.

- POSTE: Luisa Todini presidente e Elisabetta Fabbri nel cda.
LUISA TODINI - Membro del cda Rai (dal 2012, eletta in quota Lega/Pdl), è un'imprenditrice impegnata nel settore agricolo ed immobiliare, è presidente della Todini Costruzioni Generali e di Todini Finanziaria e consigliere di amministrazione della Salini Costruttori. Nata a Perugia nel 1966, laurea in Giurisprudenza, è stata eletta deputata europea nel 1994 per Forza Italia a soli 28 anni. È stata presidente della Federazione industria europea delle costruzioni dal 2010 al 2012, del Comitato Leonardo dal 2009, del Foro di Dialogo italo-russo dal 2004. È membro della Fondazione Italia Usa e consigliere di amministrazione della Fondazione Child.

- TERNA: Catia Bastioli verso la presidenza. È amministratore delegato di Novamont, azienda novarese leader nella produzione di chimica e plastica "verde", dove è entrata nel 1993. Nata a Foligno nel 1957, Bastioli puo' dirsi una scienziata a tutti gli effetti, autrice di diverse invenzioni nel campo delle bioplastiche. Nel 2007 è insignita del premio "Inventore europeo dell'anno" per il suo brevetto per i sacchetti di origine vegetale Mater-Bi.

- FINMECCANICA: Marta Dassu' e Marina Calderone nel cda

(ANSA)

Ti potrebbe piacere anche

I più letti