Imagoeconomica
Economia

Ristrutturazioni, ecco le nuove agevolazioni per il risparmio energetico

La legge di stabilità ha allargato il novero dei lavori ammessi al beneficio fiscale, includendo anche biomasse e schermature solari

Buone notizie per chi nel 2015 intende compiere lavori di ristrutturazione edilizia che prevedano miglioramenti dell’efficienza energetica degli immobili. La nuova legge di stabilità, approvata in via definitiva qualche settimana fa, tra le altre cose infatti, prevede la proroga per tutto quest’anno del bonus del 65% su Irpef o Ires. Parliamo di una detrazione fiscale che, come noto, viene concessa proprio quando si eseguono lavori che portano a un risparmio energetico nelle abitazioni.

Edilizia, come fare per ottenere le detrazioni per le ristrutturazioni


Un provvedimento che negli scorsi mesi è riuscito, anche se ancora solo in parte, a ridare un minimo di ossigeno al settore edilizio che vive una crisi ormai profondissima. L’idea quindi di prorogare le agevolazioni in questione mira all’obiettivo di continuare a ridare impulso ad un comparto come quello delle costruzioni ritenuto quanto mai strategico per la ripresa complessiva della nostra economia. Ma vediamo nel dettaglio come funziona il bonus energetico.

Interventi per i quali è ottenibile il bonus fiscale
Le agevolazioni fiscali vengono concesse in presenza di lavori che devono riguardare:  

-la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
-il miglioramento termico dell’edificio, ovvero coibentazioni, pavimenti e infissi
-l’installazione di pannelli solari
-la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

Il bonus ristrutturazioni esteso agli arredi salverà ottomila posti di lavoro


A questi interventi, che già hanno potuto usufruire nei mesi scorsi delle agevolazioni fiscali, la nuova legge di stabilità ne ha aggiunti altri due:

-l’acquisto e la posa in opera degli impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (con una detrazione massima di 30mila euro)
-l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari (con detrazione massima fissata invece a 60mila euro).

Chi potrà sfruttare le agevolazioni
I soggetti che all’atto dell’avvio dei lavori di ristrutturazione, potranno chiedere il beneficio del bonus Irpef del 65% sono i seguenti:
-persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni
-contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)
-associazioni tra professionisti
-enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale

Ristrutturazioni, le sei cose da fare per ottenere i bonus


Altre novità
La nuova legge di stabilità tra le altre cose, sempre in tema di ristrutturazioni che migliorino l’efficienza energetica degli edifici, ha inoltre prorogato di un altro anno gli interventi che danno diritto alla detrazione 65% per i condomini. Saranno quindi ammessi quei lavori realizzati fino al 31 dicembre 2015. Ugualmente prorogata poi a tutto l’anno in corso anche la detrazione del 65% per gli stessi interventi relativi, però, a parti comuni degli edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari del singolo condominio.

Ti potrebbe piacere anche