Otto nuove idee su cui investire nel 2013
Otto nuove idee su cui investire nel 2013
Economia

Otto nuove idee su cui investire nel 2013

Basse barriere all’entrata e alte prospettive di sviluppo, ecco su quali settori conviene puntare quest’anno

Un nuovo report dell’americana IbisWorld individua le otto aree di opportunità per chi vuole investire quest’anno. L’istituto di ricerca che monitora oltre 700 settori, ha preso in considerazione business caratterizzati da basse barriere all’entrata e alte potenzialità di crescita. In testa alla classifica pubblicata da Forbes , c’è il social gaming, una nicchia che ha visto uno sviluppo esplosivo del 180% negli ultimi cinque anni, per cui l’istituto di ricerca mette adesso in bilancio un +32% nel 2013. La diffusione di mobile e internet, chiaramente, continua ad alimentare il filone. Come certifica Nielsen , i possessori di uno smartphone spendono il 30% del loro tempo sui social network, ma c’è un’altra notizia in gioco che potrebbe portare acqua (e soldi) al mulino degli sviluppatori: l’allargamento dal gaming al gambling. Le scommesse legali, nelle ultime ore, hanno permesso ai conti di Zynga di invertire la tendenza negativa, grazie all’annuncio del Governatore del New Jersey che ha aperto uno spiraglio all’internet gambling.Per la prima volta negli ultimi sei mesi, dunque, l’azienda guidata da Mark Pincus, ha battuto le aspettative degli analisti. Secondo Dennis Farrell, analista di Wells Fargo, le scommesse online potrebbero generare fra 650 e 850 milioni di dollari in ricavi per il settore nel breve termine.

La seconda seconda area di opportunità individuta da IbisWorld è rappresentata dalle “virtual data room”, ovvero siti riservati a chi possiede le chiavi d’accesso. La richiesta di modi sicuri per trasferire dati crescerà, secondo le stime, del 16%, raggiungendo un giro d’affari di 730 milioni di dollari quest’anno. E il trend non potrà che trovare conferma negli anni successivi: in bilancio, per il prossimi cinque anni, infatti, c’è un +14%. Per chi vuole occuparsi della sicurezza, la domanda dovrebbe crescere con il miglioramento delle condizioni economiche.

Terzo posto per la vendita di scarpe online, un business trainato dai restituzioni gratuite e da strumenti di misurazione digitali che hanno conquistato il favore dei consumatori. Cresciuto del 16% in media negli ultimi cinque anni, il settore arriverà a un giro d’affari di nove miliardi di dollari quest’anno, considerando esclusivamente il mercato americano, dove Amazon con Zappos e FootLocker detengono il 16% delle quote. Se ci fosse bisogno di conferma su questo lato dell’Atlantico, basta ricordare Zalando.com , oggi un impero da 500 milioni di euro.

Al quarto posto, figurano i servizi digitali forensi, ovvero: verifica e recupero di dati persi, cancellati o contraffatti. Negli ultimi cinque anni, questo tipo di servizio è cresciuto dell’11%, cosa che secondo IbisWorld continuerà a fare nel 2013. I ricavi del settore, attualmente, toccano un miliardo di dollari ed essendo un business globale è ricco di opportunità per chi cerca clienti fuori dai confini nazionali. Più 9%, invece, per gli esperti di sicurezza dei sistemi il cui bacino di utenza cresce al crescere degli investimenti in tecnologia da parte delle aziende, visto che le violazioni non risparmiano nessuno, come i casi di violazione di The New York Times, Sony e LinkedIn dimostrano. Il giro d’affari di chi si occupa di It security consulting, secondo l’istituto di ricerca americano, dovrebbe superare quest’anno i cinque miliardi di dollari.

Anche le agenzie viaggi online conoscono un momento di prosperità, soprattutto per chi offre pacchetti vacanza fuori dalle solite rotte. I costi per aprire un sito di online travel sono bassi e, quindi, la competizione potrebbe farsi agguerrita. I ricercatori prevedono che il settore crescerà del 6% quest’anno. Chi vuole puntare su media tradizionali, invece,  può considerare il servizio di installazione di tv e home theatre. Negli Stati Uniti, il 98% delle abitazioni è dotato di una televisione e, per ora, solo il 25% delle case ha un sistema di home theatre. Il giro d’affari per i servizi di installazione dovrebbe superare quest’anno i 12 miliardi di dollari, con +4% sul 2012. Ultima opzione su cui investire sono i servizi di traduzione che beneficiano degli effetti della globalizzazione e, secondo IbisWorld, potrebbero registrare un +3,4% quest’anno e un giro d’affari di oltre tre miliardi di dollari.  

Ti potrebbe piacere anche

I più letti