Spesa pensionistica: la classifica dell'Ocse
Spesa pensionistica: la classifica dell'Ocse
Economia

Spesa pensionistica: la classifica dell'Ocse

L'Italia al primo posto. Tra il 2009 e il 2012 le uscite sono aumentate di 22,2 miliardi

La legge di stabilità del governo guidato da Enrico Letta prevede alcune penalizzazioni per i pensionati tra le quali il contributo di solidarietà sugli assegni più alti e un giro di vite sulla rivalutazione delle pensioni più basse (oltre i 1.486,3 euro lordi al mese). Era necessario?

Il grafico mostra a quanto ammonta la spesa pensionistica rispetto al Prodotto Interno Lordo di alcuni Paesi dell’Ocse. L’Italia, come si vede, è prima con ben il 16% del Pil che se ne va nel pagamento delle pensioni. In termini assoluti (in questo caso i dati sono dell’Istat e del Documento di Economia e Finanza rilasciato sempre dal governo Letta alla fine dell’estate) la spesa è stata di 233 miliardi nel 2009; 238,6 nel 2010; 244,9 nel 2011; 250,6 nel 2012 ed è prevista che salga a 255,2 quest’anno. In 4 anni la spesa è salita di 22,2 miliardi. Secondo il documento la spesa per le pensioni salirà ancora: 261,5 nel 2014 e 269,6 miliardi di euro nel 2015: 8,1 miliardi in più in appena due anni.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti