ANSA/ FABIO CAMPANA
Economia

Pensioni: le novità in vista per esodati e Opzione Donna

La Legge di Bilancio del 2017 si arricchisce di un nuovo pacchetto-previdenza, con misure per le lavoratrici e i lavoratori anziani

Non c'è solo l'Ape (anticipo pensionistico) tra le novità in materia di previdenza portate in dote dalla manovra economica del 2017.

Leggi anche: Pensioni 2017, i cambiamenti in vista con l'Ape

Nelle ultime ore, la Legge di Bilancio si è arricchita di nuove misure a favore delle donne e dei lavoratori anziani. Ecco di seguito una panoramica sui cambiamenti in vista (clicca su avanti).

Esodati

E' stata estesa a circa 3mila persone in più la salvaguardia degli esodati, cioè quei lavoratori anziani che si sono messi in mobilità negli anni scorsi in vista della pensione e sono rimasti poi beffati dalla Riforma Fornero del 2011 (che ha spostato notevolmente in avanti l'età del pensionamento). Gli esodati che avranno accesso alle tutele (si tratta dell'ottava tranche) saranno in totale 30.700, contro i 27mila previsti in precedenza.

Opzione Donna

Viene consentito a 4mila lavoratrici l'acecsso all'Opzione Donna. Si tratta di un sistema che permette di andare in pensione con 35 anni di contributi e con 57 anni e 7 mesi di età per le lavoratrici dipendenti e con 58 anni e 7 mesi per le lavoratrici autonome, cioè molto prima di quanto prevede oggi la Legge Forero. Chi si avvale di questa facoltà avrà però una pensione calcolata interamente con il meno vantaggioso metodo contributivo (che comporta spesso un taglio della rendita fino al al 20-30%). Potranno accedere all'Opzione Donna la lavoratrici che maturano questi requisiti entro il luglio 2016.

Ricongiunzione dei contributi

La Legge di Bilancio introduce da quest'anno la possibilità di ricongiungere sempre gratuitamente i contributi versati in diversi fondi ed enti pensionistici. Con gli ultimi emendamenti alla manovra, la ricongiunzione gratuita è stata estesa anche alle casse di previdenza dei professionisti (architetti, ingegneri, avvocati, giornalisti etc), che prima erano state escluse in quanto funzionano con regole diverse rispetto agli altri enti pensionistici.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti